Abilità motorie: tDCS biemisferico e miglioramento delle abilità motorie delle dita della mano

  • -
abilità motorie

Abilità motorie: tDCS biemisferico e miglioramento delle abilità motorie delle dita della mano

Tags : 

Abilità motorie. Alcuni autori si sono chiesti quale fosse il ruolo delle aree ipsilaterali motorie e premotorie nell’apprendimento motorio. Una risposta ci arriva dall’elegante studio di Sheena Waters all’University College di Londra (http://www.jneurosci.org/content/37/31/7500#sec-2) che ha dimostrato come entrambi gli emisferi si coordinino durante l’apprendimento delle abilità motorie fini (in particolare delle abilità musicali). Questo processo può essere accelerato tramite l’applicazione simmetrica della tDCS alla corteccia motoria.

Allo studio di Waters hanno partecipato 64 soggetti sani con dominanza motoria destra, i quali dovevano riprodurre delle sequenze non numerate a 5 cifre su di una tastiera simile a quella del pianoforte. Ai partecipanti veniva indicata la mano con cui dovevano eseguire la serie di tasti tramite una casella verde posta a lato della sequenza bersaglio. L’obiettivo del compito era quello di eseguire la sequenza il più velocemente possibile commettendo il numero più basso di errori possibili. Dopo ogni sequenza i partecipanti ricevevano un feedback sulla tendenza della loro prestazione. Nello studio erano previste tre condizioni da sperimentare: una con tDCS bilaterale, una con tDCS unilaterale e una con stimolazione fittizia. I concorrenti venivano assegnati casualmente ad una delle tre condizioni sperimentali e in tutte le condizioni l’attivazione funzionale del loro cervello veniva monitorata tramite fMRI. I risultati presentano che la tDCS applicata bilateralmente porta ad un sostanziale miglioramento della prestazione rispetto agli altri due tipi di stimolazione. Questo sembra essere dovuto al fatto che la stimolazione bilaterale porta ad un’amplificazione della plasticità dei due emisferi e del sincronismo fra i due programmi motori svolti dalle due mani. Inoltre, l’imaging funzionale durante l’esecuzione delle sequenze ha rivelato aumenti sostenuti, indipendenti dalla polarità positiva o negativa, dell’attività in entrambe le cortecce motorie rispetto al gruppo senza stimolazione. Questi risultati suggeriscono una cooperazione tra le due cortecce motorie durante l’apprendimento di abilità motorie, piuttosto che un’interazione competitiva e indicano che la stimolazione cerebrale biemisferica può portare ad un aumento della plasticità cerebrale con un conseguente miglioramento delle prestazioni motorie fini, come quelle utili e indispensabili in ambito musicale. Se volessi raffinare le tue abilità motorie di precisione noi possiamo aiutarti: vieni a trovarci a BrainCare!

Per soddisfare la tua curiosità visita la pagina: https://www.braincare.it/blog/tdcs-tecniche-innovative-in-riabilitazione-neuropsicologica/ .


About Author

Anna Cantagallo

Anna Cantagallo opera nell’ ambito clinico da oltre 25 anni come medico specializzato in neurologia e medicina riabilitativa, esperto di riabilitazione neurologica e neuropsicologica. Fra i suoi casi clinici citiamo Federico Fellini. La creatività, l’innovazione e il desiderio di poter avviare un servizio più trasversale e completo, dove i confini fra dis-abilità, normo-abilità e iper-abilità sono meno netti, sono stati i valori che l’hanno condotta a distaccarsi dal settore della sanità pubblica per orientare la sua professionalità verso le strutture private. L’ascolto del bisogno di espansione delle abilità di ciascuna persona, in una dimensione di scoperta del proprio potenziale e di flessibilità, l’hanno avvicinata non soltanto alla singola persona ma anche ai gruppi di lavoro, in cui viene chiamata spesso come organizzatore e supervisore esterno. Attualmente è consulente presso numerosi Centri di Riabilitazione, e dal 2011 Direttore Scientifico di BrainCare, unica realtà in Italia che si occupa di stimolazione e potenziamento cognitivo nei soggetti disabili ma anche nei normo e iper-abili. E’ docente presso gli Atenei di Padova, Torino, L’Aquila, Firenze e Napoli. E’ stata Presidente della Società Scientifica Gruppo Interprofessionale di Riabilitazione in Neuropsicologia (GIRN) dal 2006 al 2014. Ha coordinato le sezioni di Riabilitazione Neuropsicologica della Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (SIMFER) e della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN). Ha pubblicato 3 libri, oltre 90 articoli su riviste internazionali e 5 test di valutazione neuropsicologica. E’ Editor Assistant della rivista scientifica “European Journal of Physical Medicine and Rehabilitation” (EJPMR). Ha co-prodotto due cortometraggi dedicati alla memoria, ai suoi disturbi e al percorso necessario per il recupero, attraverso la storia narrata di 5 personaggi. Molto attiva nella divulgazione della neuropsicologia e delle scienze cognitive in tutte le età e in tutti i livelli culturali, viene spesso chiamata a comunicare su esse attraverso la stampa non scientifica e la televisione, o in caffè culturali.

News Area Clinica

News Area Benessere

News Area Espansione

News Area Formazione

News Area Franchising