Plasticità. Come avviene l’apprendimento delle abilità motorie

  • -
plasticità

Plasticità. Come avviene l’apprendimento delle abilità motorie

Tags : 

Plasticità. Come avviene l’apprendimento delle abilità motorie

Plasticità. Il cervello umano possiede la meravigliosa caratteristica di essere dotato di plasticità e quindi di potersi modificare, in maniera più o meno duratura, a seconda degli eventi. Questo aspetto può entrare in gioco in diverse situazioni: la prima in seguito a danni cerebrali per processi relativi al recupero funzionale, la seconda in contesti legati all’apprendimento e alla memoria. Proprio riguardo a questo ultimo aspetto la plasticità cerebrale è molto importante nell’ambito sportivo, poiché permette di acquisire e conservare le abilità motorie.

Infatti l’apprendimento di queste viene definito come il processo attraverso il quale i movimenti vengono eseguiti con maggiore precisione e rapidità, in seguito ad una pratica continua. Infatti, elevate performance sportive possono essere raggiunte tramite l’esecuzione di diverse sessioni di allenamento, che consentono di raggiungere il livello massimo di prestazione.L’apprendimento motorio, poi, avviene sempre in due fasi chiamate veloce e lenta. La prima comporta un miglioramento immediato già a partire dalla prima sessione di allenamento, la seconda invece porta a continui progressi legati ad un esercizio continuo e costante.Ad esempio se una persona non ha mai tirato un pallone in porta il momento in  cui si troverà a farlo sarà decisamente faticoso, mentre la volta successiva a livello cognitivo sarà già preparato ma ancora non abile, ma continuando con l’allenamento potrà poi imparare ad essere coordinato e preciso.

plasticità

Oltre alle due fasi sopracitate il processo di apprendimento è legato ad altri stadi ovvero la codifica, il consolidamento e il richiamo. La prima riguarda il momento in cui l’abilità viene memorizzata a livello cerebrale e avviene nella fase di allenamento. La seconda è in uno stato offline, in quanto si esplica nella fase di intervallo tra le diverse sessioni e quindi è una sorta di stadio intermedio tra la fase veloce e lenta. L’ultima invece consiste nella capacità di riuscire a recuperare le abilità apprese senza nessuno sforzo cosciente.

Ma nello specifico in quale aree cerebrali avviene l’apprendimento motorio? Diverse sono le sezioni corticali coinvolte, come ad esempio quelle percettive e visive, ma quella maggiormente attivata è la corteccia motoria primaria. Questa infatti si attiva all’inizio dei movimenti volontari e quindi anche nella fase lenta e veloce dell’apprendimento. Quando poi l’abilità è consolidata a livello della memoria muscolare e procedurale, la corteccia motoria è molto meno coinvolta e l’elaborazione è adibita ad aree di ordine inferiore come il cervelletto. Ciò riflette proprio il cambiamento comportamentale, che avviene nel momento in cui l’abilità migliora e quindi passa da un livello volontario ad uno automatico. Ma in che modo si può favorire la plasticità neuronale in modo da raggiungere una maggiore capacità motoria? Utilizzando la tDCS! Infatti,  l’associare un allenamento intenso ad una stimolazione della corteccia motoria primaria favorisce l’attivazione neuronale e l’apprendimento motorio. Di conseguenza, quindi, si creano delle nuove connessioni neuronali che facilitano le fasi di consolidamento e richiamo.

In BrainCare offriamo la possibilità di utilizzare la tDCS in abbinamento ad attività motoria, seguita da personal trainer, in modo che l’apprendimento possa avvenire in maniera più rapida e si possano raggiungere ottimi livelli in uno specifico ambito motorio.

Quindi sei interessato a stimolare la tua plasticità cerebrale, al fine di raggiungere performance pari a quelle di un vero atleta, non esitare a contattarci!.

Ti potrebbe interessare anche:



About Author

Anna Cantagallo

Anna Cantagallo opera nell’ ambito clinico da oltre 25 anni come medico specializzato in neurologia e medicina riabilitativa, esperto di riabilitazione neurologica e neuropsicologica. Fra i suoi casi clinici citiamo Federico Fellini. La creatività, l’innovazione e il desiderio di poter avviare un servizio più trasversale e completo, dove i confini fra dis-abilità, normo-abilità e iper-abilità sono meno netti, sono stati i valori che l’hanno condotta a distaccarsi dal settore della sanità pubblica per orientare la sua professionalità verso le strutture private. L’ascolto del bisogno di espansione delle abilità di ciascuna persona, in una dimensione di scoperta del proprio potenziale e di flessibilità, l’hanno avvicinata non soltanto alla singola persona ma anche ai gruppi di lavoro, in cui viene chiamata spesso come organizzatore e supervisore esterno. Attualmente è consulente presso numerosi Centri di Riabilitazione, e dal 2011 Direttore Scientifico di BrainCare, unica realtà in Italia che si occupa di stimolazione e potenziamento cognitivo nei soggetti disabili ma anche nei normo e iper-abili. E’ docente presso gli Atenei di Padova, Torino, L’Aquila, Firenze e Napoli. E’ stata Presidente della Società Scientifica Gruppo Interprofessionale di Riabilitazione in Neuropsicologia (GIRN) dal 2006 al 2014. Ha coordinato le sezioni di Riabilitazione Neuropsicologica della Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (SIMFER) e della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN). Ha pubblicato 3 libri, oltre 90 articoli su riviste internazionali e 5 test di valutazione neuropsicologica. E’ Editor Assistant della rivista scientifica “European Journal of Physical Medicine and Rehabilitation” (EJPMR). Ha co-prodotto due cortometraggi dedicati alla memoria, ai suoi disturbi e al percorso necessario per il recupero, attraverso la storia narrata di 5 personaggi. Molto attiva nella divulgazione della neuropsicologia e delle scienze cognitive in tutte le età e in tutti i livelli culturali, viene spesso chiamata a comunicare su esse attraverso la stampa non scientifica e la televisione, o in caffè culturali.

News Area Clinica

News Area Benessere

News Area Espansione

News Area Formazione

News Area Franchising