Tag Archives: DNA

  • -

DNA. I benefici delle tecniche di rilassamento arrivano fino al DNA

Tags : 

DNA. Da qualche decennio stanno prendendo piede tutte quelle tecniche che possono essere genericamente definite “interventi corpo-mente” (mind-body interventions o MBIs) che, soprattutto negli ultimi tempi, hanno cominciato ad avere dei supporti empirici e dei riconoscimenti da parte dei professionisti della salute mentale. In particolare queste tecniche comprendono alcune discipline con una più marcata componente fisica  come  Yoga, Tai Chi e Qigong; e altre invece più sedentarie come  meditazione, mindfullness, tecniche di regolazione della respirazione e tecniche di rilassamento. Nonostante le MBIs siano abbastanza diverse tra loro, sembra che tutte riescano a determinare dei benefici psicologici quali la riduzione dello stress percepito, la diminuzione dei livelli di ansia e l’innalzamento del tono dell’umore.

Gli studi di neuroimaging suggeriscono che queste tecniche riescano ad incrementare l’attività di alcune regioni cerebrali adibite ad importanti funzioni quali: la regolazione emozionale, la memoria, l’apprendimento e i processi auto-referenziali. Le ricerche sulle MBIs non si sono però limitate all’analisi cerebrale ma sono andate più a fondo, arrivando addirittura ad interessarsi al DNA e all’analisi dei geni.

meditazione

Una recente meta analisi condotta dalle università di Covetry e di Radboud e pubblicata sulla rivista Frontiers in Immunology (http://journal.frontiersin.org/article/10.3389/fimmu.2017.00670/full), ha voluto andare a fondo per capire se effettivamente queste tecniche corpo-mente causino dei cambiamenti osservabili nella forma dell’espressione genica e quali sono i cambiamenti molecolari alla base dei benefici psicologici già noti.

Per farlo sono stati messi a confronto 18 studi sull’argomento per un totale di 846 soggetti esaminati, frutto quindi della revisione di oltre un decennio di ricerche. Nel complesso ne è risultato che queste pratiche sono associate all’alterazione di una serie di pattern genici: in particolare è stata riscontrata una riduzione del fattore nucleare kappa B (NF-kB), una proteina associata allo stress. L’NF-kB  è una sostanza in grado di regolare l’espressione genica  in quanto attiva quelle parti di DNA adibite alla codifica delle chitochine. Queste ultime sono mediatori polipeptidici, non antigene-specifici, che fungono da segnali di comunicazione fra le cellule del sistema immunitario e fra queste e diversi organi e tessuti;

Queste sostanze sono associate a risposte immunitarie dovute a eventi stressanti quali il “fight to flight” (attacco o fuga) e quindi sono stati filologeneticamente importanti per l’uomo. Nei tempi recenti però lo stress sta diventando sempre di più di tipo cronico per gli stressanti standard che siamo costretti a mantenere ogni giorno nella nostra quotidianità e l’espressione dei geni pro-infiammatori divenuta persistente sembra causare più che altro problemi medici e psichiatrici.

Questa review ha riscontrato che l’81% degli studi che hanno misurato l’attività dei geni legati all’infiammazione e/o alla proteina NF-κB,  hanno denotato una significativa riduzione dei livelli infiammatori in quelle persone che esercitavano le MBIs. Ciò significa che queste discipline sembrano in grado di correggere gli effetti che l’ansia e lo stress esercitano sul corpo e sull’espressione genica e suggerisce che le pratiche MBI possano portare ad un rischio ridotto di malattie legate all’infiammazione.

Saranno però necessari ulteriori studi e verifiche per comprendere in maniera più approfondita la portata di questi effetti oltre che un confronto con quelli esercitati da altre pratiche quali l’esercizio fisico e una nutrizione sana. Si tratta comunque di una scoperta di non poco rilievo per lo studio genico di patologie correlate allo stress.

Se sei interessato a saperne di più sulla meditazione e rilassamento iscriviti QUI al nostro corso BrainCare.

Ti aspettiamo!


  • -
memoria dei muscoli

Memoria dei muscoli. Come l’esercizio fisico è memorizzato dal DNA

Tags : 

Memoria dei muscoli. Come l’esercizio fisico è memorizzato dal DNA

Memoria dei muscoli. Abbiamo una buona notizia per gli appassionati della pratica sportiva ma non sempre pronti a passare all’azione!. In un recente studio è stata scoperta una particolare caratteristica dei muscoli derivante da una proprietà del DNA: quest’ultimo, infatti, funziona come da memoria per l’attività sportiva svolta dalla muscolatura e ne favorisce un maggiore sviluppo nel momento in cui l’attività fisica viene nuovamente praticata, anche dopo un periodo di non attività fisica. Lo studio britannico pubblicato sulla rivista Scientific Reports dall’Università di Keele in collaborazione con quelle di Liverpool John Moores, Northumbria e Manchester Metropolitan (http://www.dottnet.it/articolo/23407/il-dna-memorizza-gli-allenamenti-sportivi-utile-per-il-doping/?tkg=1) ha preso in esame 850.000 siti del DNA umano attraverso nuove tecniche di analisi del genoma giungendo alla conclusione che l’attività fisica interviene attivamente disattivando gli interruttori molecolari che tengono spenti molti geni.Esiste quindi una memoria dei muscoli poiché nella successiva sessione sportiva i geni si attivano più facilmente perciò la crescita muscolare avviene più rapidamente e in maniera più elevata.Ciò significa che per gli sportivi della domenica c’è speranza e per gli atleti professionisti esiste la possibilità di programmare degli allenamenti personalizzati in quanto non tutti hanno la medesima modalità e quantità di attivazione molecolare.

memoria dei muscoli

Questa scoperta ha delle ripercussioni anche per quanto almeno 3 aspetti.

  1. Gli integratori: le sostanze esogene assunte dagli atleti per aumentare le performance sportive potrebbero proprio a causa della memoria dei muscoli procurare degli effetti a più lungo termine del previsto. Se desideri avere maggiori informazioni puoi visitare il nostro sito al seguente link: https://www.braincare.it/palestra-nutrizionale/.
  2. L’Elettromiostimolazione Viene praticata attraverso un’apparecchiatura provvista di elettrodi che stimolano i principali distretti muscolari e se effettuata mentre vengono eseguiti i movimenti specifici di uno sport risulta essere il 40% più efficace dell’allenamento senza stimolazione. Anch’essa attiva la memoria muscolare, dei programmi motori effettuati sotto stimolazione elettrica. Se desideri avere maggiori informazioni puoi visitare il nostro sito al seguente link: https://www.braincare.it/elettromiostimolazione/.
  3. Valutazione del genoma: attraverso l’esame del DNA puoi scoprire se sei portato maggiormente verso sport di resistenza o di velocità, e se sei predisposto ad una maggiore incidenza di traumi sportivi, oltre che scoprire quale integrazione alimentare può aiutarti a prevenire l’ossidazione del corpo in allenamento fisico intenso. Se desideri avere maggiori informazioni puoi visitare il nostro sito al seguente link:https://www.braincare.it/analisi-genomica/

Inoltre se sei interessato a scoprire di più riguardo ai benefici che lo sport può portare alla mente e al corpo, iscriviti alla serata Cibo per la Mente. Per saperne di più, clicca qui.