Tag Archives: memoria

  • -
settimana

Settimana Mondiale del Cervello: alla scoperta delle Neuroscienze

Tags : 

Settimana. La Settimana Mondiale del Cervello è una campagna mondiale , che si svolge una settimana all’anno, che ha come scopo quello di diffondere le nuove scoperte neuroscientifiche, in modo da poter favorire il progresso e la ricerca riguardo al cervello.

L’obiettivo di questo evento è quello di far conoscere le Neuroscienze portando le persone ad avere una maggiore consapevolezza delle proprie funzioni cognitive e di promuovere la salute e il benessere della mente e del corpo.

I nostri eventi

                                                                                        13 Marzo 2018         

Memoria e attenzione : due alleate per la mente. Mettile in gioco!

 

settimana

Se vuoi avere maggiori informazioni sull’evento clicca qui

 

 

 

 

 

 

15 Marzo 2018

Rivoluziona il tuo movimento con le Neuroscienze

 

settimana

Se vuoi avere maggiori informazioni sull’evento clicca qui

 

 

 

 

 

 

16 Marzo 2018

Scopri quanto sei di-stressato!

 

settimana

Se vuoi avere maggiori informazioni sull’evento clicca qui


  • -
CIBO PER LA MENTE

Come prevenire la Perdita di Memoria

Tags : 

MEMORIA

Come Mantenere una buona MEMORIA

memoria

Memoria

Memoria – Noi siamo la nostra memoria.

Grazie a lei sappiamo chi siamo (memoria autobiografica), in quale momento storico viviamo (memoria episodica),

quale strada fare raggiungere il lavoro, il supermercato e la nostra casa (memoria spaziale),

come farlo attraverso l’utilizzo dell’auto (memoria procedurale), quando farlo in base ai nostri impegni (memoria prospettica).

Insomma, la memoria rappresenta il nostro passato e il nostro futuro, dal momento che i programmi del futuro si creano anteriormente.

La perdita di memoria riduce le nostre attività al presente e può portraci a perdere il significato della nostra esistenza.

Anna Cantagallo, Medico esperto in Neuroscienze, parlerà di quali cause portano alla riduzione di memoria,

di quali sono i sintomi dei pazienti, ma soprattutto si concentrerà su come è possibile prevenire la perdita.

Giovedì, 19 Gennaio 2017

alle ore 18.30

presso Braincare, Via Fornace Morandi 24/A

Ti aspettiamo!

Per iscriverti invia un e-mail all’indirizzo:

segreteria@braincare.it

o iscriviti tramite EventBrite al link:

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-come-mantenere-una-buona-memoria-30452622614

Memoria – Noi siamo la nostra memoria.

Grazie a lei sappiamo chi siamo (memoria autobiografica), in quale momento storico viviamo (memoria episodica),

quale strada fare raggiungere il lavoro, il supermercato e la nostra casa (memoria spaziale),

come farlo attraverso l’utilizzo dell’auto (memoria procedurale), quando farlo in base ai nostri impegni (memoria prospettica).

Insomma, la memoria rappresenta il nostro passato e il nostro futuro, dal momento che i programmi del futuro si creano anteriormente.

La perdita di memoria riduce le nostre attività al presente e può portraci a perdere il significato della nostra esistenza.

Anna Cantagallo, Medico esperto in Neuroscienze, parlerà di quali cause portano alla riduzione di memoria,

di quali sono i sintomi dei pazienti, ma soprattutto si concentrerà su come è possibile prevenire la perdita.


  • -
Anna Cantagallo

Anna Cantagallo: migliorare le performance di memoria grazie alla palestra cognitiva.

Tags : 

Anna Cantagallo: migliorare le performance di memoria

La dottoressa Anna Cantagallo, insieme ai professionisti di Braincare, si occupa nel suo lavoro della stimolazione

e potenziamento delle performance non solo di soggetti con deficit ma anche di persone abili o iper-abili.

L’opinione secondo cui l’invecchiamento sia caratterizzato inesorabilmente dalla perdita di un gran numero di funzioni fisiche e mentali è ormai obsoleta.

Col trascorrere degli anni le funzioni: uditive, visive, mnemoniche ed intellettive subiscono un declino inevitabile.

“Tale declino è spesso causato dalla carenza di esercizio mentale e fisico oltreché da varie patologie neurodegenerative”

sostiene la dottoressa Anna Cantagallo proseguendo

“La ricerca scientifica sempre più spesso documenta come molte delle perdite attribuite alla macina del tempo

sono provocate da un cattivo stile di vita, da abitudini alimentari scorrette e dallo scarso esercizio mentale e fisico.

Va sottolineato che la grande maggioranza delle persone anziane – oltre i 65 anni – conserva un cervello in grado di funzionare in modo corretto”.

Per assicurarsi una buon funzionamento cognitivo, sia durante la vita adulta sia nella fase della vecchiaia,

può essere molto utile tenere in allenamento il nostro cervello grazie alla stimolazione cognitiva.

“Quando parliamo di stimolazione cognitiva” – afferma la dottoressa Anna Cantagallo-

“parliamo di un trattamento specifico finalizzato al potenziamento di funzioni quali la memoria, l’attenzione, il linguaggio,

la capacità di ragionamento e concentrazione in persone di qualunque età, che vogliano migliorare la propria efficienza cognitiva”.

C’è un comune accordo tra i professionisti del settore per quanto riguarda l’efficacia dei trattamenti nel rallentamento dei processi di decadimento.

I beneficiari della stimolazione cognitiva possono essere:

i soggetti sani che vogliono mantenere attivo il cervello: per essi i professionisti BrainCare propongono delle sessioni di palestra cognitiva,

ovvero una forma di stimolazione cognitiva di gruppo o individuale, rivolte ad anziani che presentano un normale funzionamento cognitivo globale.

I corsi, interamente personalizzabili a seconda delle esigenze e delle disponibilità dei partecipanti,

sono finalizzati al potenziamento o consolidamento delle competenze cognitive (memoria, attenzione, linguaggio, ragionamento),

attraverso attività ed esercitazioni pratiche, piacevoli e gratificanti.

Persone affette da deterioramento cognitivo: in questo intervento la stimolazione cognitiva mira al rallentamento del declino

che la demenza comporta; basandosi sulla stimolazione delle funzioni cognitive non ancora compromesse,

cercando di mantenerle e rallentando così il decorso della malattia, il peggioramento dei sintomi cognitivi e del loro impatto funzionale.

Questi interventi sono connotati da un approccio attento ai fattori sociali,

comunicativi ed emotivi e alle attività di vita quotidiana di ogni partecipante al gruppo.

Soggetti giovani che desiderano allenare la propria mente: in questo caso BrainCare insieme alla dott.ssa Anna Cantagallo

propongono una serie di strategie per migliorare la performance nelle varie componenti psicologiche.

Imparare alcuni semplici regole di memorizzazione permette di prendersi cura quotidianamente del nostro funzionamento cognitivo:

prestare attenzione e concentrarsi nel momento della memorizzazione.

Evitare interferenze di altri oggetti, persone, informazioni quando si sta leggendo qualcosa da memorizzare.

Utile la lettura di libri sulla memoria e l’apprendimento: la comprensione dei processi neurali,

cognitivi ed emotivi alla base della memorizzazione, e la riflessione su questi, possono essere molto utile per potenziare le proprie capacità mnestiche (meta memoria).

Autore Anna Cantagallo

Pubblicato il 06 febbraio 2016

© Riproduzione vietata


  • -
Anna Cantagallo fisiatra

Anna Cantagallo: la memoria degli anziani e il suo deterioramento

Tags : 

Anna Cantagallo: la memoria degli anziani e il suo deterioramento

Anna Cantagallo Specialista in Neurologia e Medicina  Riabilitativa, master in Psicopatologia Forense e Peritale,

mediatore e conciliatore è la direzione scientifica di Braincare occupandosi delle aree di formazione, dell’area clinica e dell’ area benessere, dell’azienda.

La popolazione italiana sta andando sempre di più incontro ad un aumento dell’età cronologica.

Anche se gli esperti non sono riusciti ancora a stabilire l’inizio dell’invecchiamento,

intendendo per esso un fenomeno lento e graduale di degenerazione a carico sia del fisico che della mente dell’individuo.

Distinguiamo da questa forma di invecchiamento sano una forma patologica caratterizzata dall’aumento della rapidità del declino

e da danni che colpiscono soprattutto a livello cognitivo le funzioni esecutive quali memoria e attenzione.

Nel caso appena descritto un valido alleato per combattere e rallentare gli effetti della demenza è rappresentato dalla stimolazione cognitiva.

In questo ambito la dottoressa Anna Cantagallo e i professionisti di Braincare propongono interventi

che si basano sulla stimolazione delle funzioni cognitive non ancora compromesse cercando di mantenere e rallentare in questo modo il decorso della patologia.

Tutti gli interventi svolti all’interno della clinica Braincare,

con a capo la dottoressa Anna Cantagallo, sono caratterizzati da un approccio multimodale

con particolare attenzione ai fattori sociali, comunicativi ed emotivi.

La stimolazione cognitiva in casi come questi ha come obiettivi:

Miglioramento delle capacità cognitive;
Mantenimento dell’autonomia personale il più a lungo possibile;
Miglioramento della qualità di vita dei pazienti e dei familiari.
Anche altri autori come Buschert e colleghi (2010) prediligono il trattamento cognitivo a quello farmacologico evidenziandone i vantaggi:
Costi più bassi
Assenza di effetti collaterali
Miglior rapporto costo/benefici

Ciò che i professionisti Braincare e la dottoressa Anna Cantagallo propongono in tal modo è un’attenta valutazione neuropsicologica

delle risorse e delle debolezze del sistema cognitivo del paziente ed in seguito la proposta di un programma di stimolazione personalizzato.

Le caratteristiche del programma potranno essere: sedute di gruppo o individuali, training di tipo computerizzato o carta-e-matita.

Infine i professionisti Braincare ricordano che le regole di base per mantenere un buon livello di memoria sono:

Prestare attenzione e concentrarsi nel momento della memorizzazione

Evitare interferenze di altri oggetti, persone, informazioni quando si sta leggendo qualcosa da memorizzare

Leggere libri sulla memoria e sull’apprendimento che permettano il potenziamento della meta-memoria.

Autore Anna Cantagallo

Pubblicato il 28 gennaio 2016

© Riproduzione vietata


  • -

Serata della mente

Tags : 

Serata della mente

Serata della mente – Proiezione del cortometraggio sulla memoria

Lunedì 20 febbraio 2012, ore 18.30

presso il Centro culturale Altinate/San Gaetano

via Altinate, 71 – Padova

Read More