Palestra Emozionale

Nella vita privata, nell’ambito professionale e nello sport è importante imparare ad affrontare al meglio qualsiasi situazione; è indispensabile riuscire a superare lo stress e a canalizzare le emozioni verso il raggiungimento dei propri obiettivi.
Gli esperti di BrainCare propongono programmi di Training Emotivo o Emotion Fitness orientati alla:
  • Gestione delle emozioni
  • Gestione dello stress
  • Gestione del tempo

 

Multi-tasking e Time Management

Palestra_Emzionale_Time_ManagementQuando le responsabilità della vita di ogni giorno diventano numerose rischiamo di essere sopraffatti da un senso di urgenza e dalla sensazione di non riuscire a gestire tutti gli impegni in modo adeguato. Tuttavia, è possibile allenare la nostra abiità di svolgere più compiti contemporaneamente (multi-tasking) ed applicare utili strategie per imparare ad organizzare il tempo in base alle giuste priorità quotidiane. Scopri come scaricando i nostri “consigli per il Multi-tasking e Time Management“.

BrainCare propone programmi di Time Management per acquisire utili strategie di gestione del tempo, che unitamente a programmi di allenamento mentale o Cognitive Training per migliorare le capacità cognitive e aumentare le proprie potenzialità ti porteranno ad un maggiore successo nello svolgimento delle attività quotidiane.

Prenota il tuo training: contattaci ora!

0498176700

info@braincare.it

 

Relazioni sociali ed empatia

Palestra_Emozionale_EmpatiaColleghi, amici, contatti: qual è il segreto del successo nelle relazioni sociali?

Ciò che sostanzialmente distingue le persone di successo da tutte le altre è il modo in cui esse creano e usano i rapporti interpersonali. Per entrare in contatto con le altre persone e stabilire un contatto sereno con le proprie conoscenze, vi sono alcune piccole regole fondamentali che devono essere rispettate:

1. Generosità: occorre imparare a saper dare prima ancora di attendersi delle ricompense. Essere amichevoli è innanzitutto una questione di cortesia e buona educazione che certamente otterrà un riscontro futuro. È importante stabilire i contatti senza ipocrisia ed opportunismo, in modo schietto ed il più sincero ed informale possibile. Per fare in modo che le persone che ci interessano siano a loro volta interessate a noi, bisogna riconoscere che nei rapporti c’è una regola del dare ed avere che richiede un equilibrio costante. Sono, invece, da ammonire i comportamenti tesi a stringere rapporti interpersonali al mero scopo di ottenere favori in cambio.
2. Mantenere i contatti: è importante stringere rapporti per saperli poi mantenere e non semplicemente per “aggiungere dei nomi all’agenda”. Un utile consiglio è perciò quello di farsi sentire con regolarità.
3. Riconoscere il lavoro di squadra: consiglio fondamentale per ottenere successo nelle relazioni, soprattutto in ambito lavorativo. Non avere timore di scrivere e parlare, di scambiare le proprie idee con gli altri, di essere intraprendenti e creativi, di inventare e reinventarsi.
4. Avvivinarsi agli altri: il suggerimento è quello di stabilire un contatto con le persone, avvicinandosi al loro modo di vivere e di pensare. Informarsi preventivamente sull’altro così da avere verso l’altro maggiore interesse; invitare i gli amici a pranzi, cene, partite. Feste, party e meeting sono ottime occasioni in cui le persone possono conoscersi meglio fra di loro e socializzare con più familiarità.
5. Dire le cose nel modo giusto: “il significato di quello che diciamo è la riPalestra_Emozionale_Empatia_Relazioni_Socialisposta che otteniamo”. Spesso il contenuto di un discorso può contenere intenzioni benevole ma ottenere un riscontro negativo. Questo dimostra che sono molto importanti sia il modo in cui si elabora un discorso che il contesto nel quale lo stesso si sviluppa. Tutto ciò che viene detto si muove all’interno di una cornice, ossia accade nell’ambito di un contesto e di una situazione che possono essere ridefinite sia dalle modalità con cui un determinato contenuto viene espresso (toni, gestualità, volume ecc.) che dall’utilizzo di specifici predicati. La “ridefinizione” di questa cornice è fondamentale soprattutto nei casi in cui appare opportuno revisionare situazioni problematiche per osservarle da un’altra prospettiva.
6. Essere empatici: l’empatia è la capacità di un individuo di comprendere in modo immediato i pensieri e gli stati d’animo di un’altra persona. Si tratta di un forte legame interpersonale e di un potente mezzo di cambiamento. L’empatia è la capacità di “mettersi nei panni di”, “leggere tra le righe”, captare le spie emozionali, cogliere anche i segnali non verbali indicatori di uno stato d’animo, intuire quale valore rivesta un evento per l’interlocutore, senza lasciarsi guidare dai propri schemi di attribuzione di significato.

Ma quali i meccanismi neurali alla base delle relazioni sociali e dell’empatia?

Negli ultimi anni i neuroscienziati hanno scoperto l’esistenza di un particolare Palestra_Emozionale_Empatia_Neuroni_Specchiogruppo di neuroni visuomotori, presenti anche nell’uomo, detti neuroni specchio (Rizzolati et al., 2006). Il sistema dei neuroni specchio crea uno “spazio d’azione condiviso” tra chi esegue un’azione e chi l’osserva. Questo è anche il modello naturale di ogni forma di comunicazione, che comporta un codice comune tra emittente e ricevente, tra chi parla e chi ascolta. L’attivazione del sistema specchio può essere verificata non solo durante l’osservazione della effettiva interazione tra effettore ed oggetto, ma anche quando l’azione è semplicemente mimata. Questo significa che il sistema specchio è in grado di codificare non solo l’atto motorio osservato ma anche l’intenzione con cui esso è compiuto. Questo meccanismo è alla base della comprensione del significato delle azioni altrui. Il sistema specchio ha un ruolo fondamentale anche nella comprensione e nel riconoscimento delle emozioni. Tale circuito viene attivato sia durante l’osservazione che durante l’imitazione dell’espressione facciale delle emozioni di base, paura, rabbia, felicità, disgusto, sorpresa, tristezza. Il meccanismo specchio risulta attivo anche nel riconoscimento del dolore. Secondo Gallese, Keysers e Rizzolatti questi meccanismi specchio “ci consentono di comprendere direttamente il significato delle azioni e delle emozioni altrui replicandole internamente o ‘simulandole’ senza alcuna esplicita mediazione riflessiva” (Gallese et al., 2004).

 

Come svilppare le proprie capacità empatiche e strategie adeguate per relazionarsi in modo soddisfacente con le persone? I professionisti di BrainCare offrono programmi personalizzati di crescita personale in cui potrai imparare a gestire in modo adeguato la comunicazione e le emozioni nei contesti sociali, per lo sviluppo di solide relazioni a casa, a scuola, sul lavoro, con i clienti, con gli amici.

Prenota il tuo training: contattaci ora!

0498176700

info@braincare.it

 

 Palestra_Emozionale