Category Archives: News Area Formazione

  • -
voce

Parole e voce: la tua arma segreta

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Voce. Saper essere interessanti e generare fiducia e consenso in pochissimi minuti è fondamentale, chiunque tu abbia davanti a te e in tutti gli ambiti. La vera sfida sta nel catturare subito l’attenzione dell’altro e far sì che rimanga affascinato da noi.voce Ma quali ostacoli interni abbiamo alla comunicazione efficace? La nostra mente, le nostre paure, i nostri limiti.La relazione e l’uditorio, nonché l’ambiente sono invece ostacoli esterni alla comunicazione efficace. Le nostre abilità cognitive inoltre organizzano le nostre parole perché  diventino comunicazione ad alto impatto e quindi azione.Ma la comunicazione è anche l’arte di “raggiungere” gli altri con le parole e le emozioni da essa trasportate. La voce può essere definita il nostro strumento musicale naturale, che ognuno di noi possiede e che non sempre viene utilizza nella maniera adeguata. Questa infatti è uno strumento che permette prima di tutto di esprimere noi stessi, ma anche di veicolare pensieri ed emozioni. È come il nostro bigliettino da visita, in quanto ci identifica e rivela un po’ di quello che siamo. Prova ad immaginare una voce soave e bassa a che tipo di personalità l’assoceresti? Sicuramente ad una persona tranquilla ed equilibrata. Oltre che essere identificativa si interpone sempre nella relazione tra noi e gli altri. Una leggera modulazione del tono utilizzato, potrebbe far si che uno stesso concetto veicoli significati diversi. Infatti non sempre utilizzi lo stesso colore di voce quando parli! Se vuoi mostrare solarità userai un volume medio-alto e un sorriso costante e sincero. E se vuoi esprimere fiduciosa autorevolezza? Dovrai essere efficace e convincente, ma anche comprensivo e disponibile  nei confronti dell’altra persona. Questa è la voce della relazione “di cura”.Quando invece senti di voler entusiasmare e coinvolgere l’altro, usa quella attivante, che esprime tutta la passione per quello che stai dicendo e che sprona all’azione.

Essa quindi rappresenta una vera e propria arma segreta: la possiedi da sempre, ma forse non la conosci fino in fondo!

Per questo motivo nel corso della serata si parlerà di come poter utilizzare mente, emozioni e voce nella maniera più adeguata in modo da poter sfruttare a pieno tutte le tue potenzialità. Potrai scoprire come rendere più efficace la tua comunicazione, dando la giusta enfasi ed emozione a quello che si sta trasmettendo.

Non perdere tempo ed iscriviti subito alla serata, mandando una mail ad info@braincare.it o tramite il link di Eventbrite: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-parole-e-voce-la-tua-arma-segreta-44444168705

Ti aspettiamo!


  • -
linguaggio

Linguaggio. Come l’afasia anomica influenza la produzione narrativa

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Linguaggio. Come l’afasia anomica influenza la produzione narrativa

Linguaggio.  La capacità di comunicare e quindi di verbalizzare i sentimenti, i gesti, i pensieri è un’abilità prettamente umana, che è racchiusa nella sfera del linguaggio. In particolare fin dagli inizi dell’Ottocento questa abilità è stata molto studiata e all’inizio le aree cerebrali adibite al linguaggio sono state principalmente due: l’area di Broca e l’area di Wernicke.linguaggio  La prima localizzata nella terza circonlocuzione del lobo frontale dell’emisfero sinistro, deputata alla produzione, mentre la seconda situata nel lobo temporale superiore sinistro, implicata nella comprensione. Ad oggi, invece, molte ricerche hanno dimostrato che  sono coinvolte anche altre aree corticali e subcorticali, che fanno presupporre un’abilità distribuita su un’ampia rete cerebrale. Per questo motivo metodi riabilitativi tradizionali basati sull’ elettrostimolazione elettrica non sono sempre efficaci a causa della difficoltà nell’individuare le aree danneggiate. Inoltre a seconda dell’area colpita sono diversi gli esiti del danno e quindi di conseguenza il tipo di riabilitazione da mettere in atto. Ad esempio Anna Cantagallo ed altri collaboratori              (https://s3.amazonaws.com/academia.edu.documents/46922408/Narrative_discourse_in_anomic_aphasia20160630-6449-1iw9u3m.pdf?AWSAccessKeyId=AKIAIWOWYYGZ2Y53UL3A&Expires=1517333277&Signature=WsShivd5uBorymlnf%2BvhcPNLy78%3D&response-content-disposition=inline%3B%20filename%3DNarrative_discourse_in_anomic_aphasia.pdf) hanno approfondito la capacità narrativa in soggetti colpiti da afasia anomica. Quest’ultima consiste nella difficoltà di recupero del lessico e quindi di conseguenza a costruire una narrazione coerente. In particolare,  in questo studio sono state messe a confronto le abilità narrative di soggetti con afasia anomica cronica e quelle di persone sane. Quello che è emerso è che i partecipanti afasici producono lentamente, con una lunghezza ridotta dei periodi, usando molte perifrasi e con diversi errori grammaticali. Inoltre è stata vista una forte correlazione tra gli errori commessi per la costruzione di frasi complete e quelli commessi per creare coesione nella produzione, e tra i quest’ultimi e il lessico. Ciò dimostra che aspetti legati al recupero lessicale probabilmente inficiano il processo di produzione narrativa. Quindi in conclusione pazienti affetti da questo tipo di afasia interrompono frequentemente la loro produzione, utilizzando frasi molto semplici con frequenti ripetizioni ed errori lessicali. Questo rappresenta uno dei tanti esiti derivanti da una lesione cerebrale ad una specifica area del linguaggio e quindi conoscere quest’ambito in maniera approfondita è fondamentale. Se dunque sei interessato a saperne di più riguardo alla valutazione e riabilitazione dei disturbi del linguaggio e della comunicazione iscriviti al nostro corso compilando la scheda di iscrizione che trovi al link: BROCHURE CORSI 2018 e inviala assieme alla ricevuta di pagamento segreteria@braincare.it.

Ti aspettiamo!

 

 


  • -

Alzheimer: gli interventi riabilitativi per il paziente e gli effetti sul caregiver

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Alzheimer: gli interventi riabilitativi per il paziente e gli effetti sul caregiver

Alzheimer. La malattia di Alzheimer (AD) è un disordine degenerativo che progredisce nel tempo a carico del sistema nervoso centrale, contraddistinto dalla graduale e continua compromissione delle funzioni cognitive, del deficit delle abilità funzionale e la comparsa di disturbi comportamentali. In passato la riabilitazione non farmacologica dell’AD era considerata negativamente data la natura degenerativa della malattia, del carattere progressivo e dai danni che provoca sulle funzioni cognitive. Tuttavia i recenti studi evidenziano come il sistema nervoso centrale adulto sia dotato di una plasticità e si è arrivati ad una precisa identificazione ed evoluzione dei disturbi cognitivi, che hanno rafforzato le basi concettuali per sostenere gli interventi riabilitativi non farmacologici.alzheimer

Secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), per “riabilitazione” si intende quell’insieme di interventi che mirano allo sviluppo di una persona al suo più altro potenziale sotto il profilo fisico, psicologico, sociale, occupazionale ed educativo, in relazione al suo deficit fisiologico o anatomico e all’ambiente. Dunque l’approccio riabilitativo deve prevedere sia interventi mirati alla persona, sia all’ambiente per renderlo più adattivo, alla famiglia e/o ai caregiver per trasmettere delle competenze assistenziali. L’intervento riabilitativo non deve riferirsi esclusivamente alla sola stimolazione cognitiva ma è anche richiesta una attenta valutazione delle disfunzioni personali, familiari e sociali. Infatti, si parla di Progetto Assistenziale Individualizzato (PAI) che riguarda una valutazione interdimensionale e interprofessionale che ha come obiettivo l’identificazione di risorse cognitive e funzionali che sono ancora intatte su cui poter intervenire per potenziarle e prevenire un’ulteriore perdita. Esistono varie tipologie di interventi riabilitativi (diretti ed indiretti: paziente, famiglia, ambiente) (individuali e/o di gruppo), varie tipologie di tecniche (cognitive e cognitivo- comportamentali). L’assistenza di una persona con Alzheimer può essere un’esperienza devastante per i caregiver, soprattutto per i familiari, che presentano livelli di stress elevati. L’eccesso di stress può culminare in burnout, un esaurimento emotivo in cui l’individuo non si sente in grado di soddisfare le esigenze che gli vengono richieste. Tale condizione riduce la produttività, indebolisce le energie del soggetto interessato, aumenta il senso di impotenza e la demotivazione. Quindi nel caso di sostegno ad individui affetti da Alzheimer può capitare che a pagarne le conseguenze maggiori, in termini di equilibrio ed energia, siano i familiari/caregiver. A tal riguardo esistono degli interventi mirati ai caregivers di educazione, supporto e servizi che migliorano non solo il loro benessere ma anche quello del paziente affette da demenza. Tali interventi sono il counselling familiare e psicoeducazionali, per facilitare i processi di adattamento all’ambiente domestico e per fornire un sostegno psicologico grazie ai gruppi di supporto.

Obiettivi

  • Fornire strumenti adeguati al riconoscimento della demenza di Alzheimer
  • Comprendere il ruolo del caregiver
  • Capire come affrontare la demenza di Alzheimer dal punto di vista medico e psicologico
  • Imparare ad ascoltare le esigenze del caregiver e del paziente con demenza di Alzheimer

Programma Corso

8 .30 -09.00: Registrazione dei partecipanti
9.00 – 10.00: Cosa è la demenza di Alzheimer e come riconoscerla
10.00 – 11.00:  Valutare la persona affetta da demenza di Alzheimer
11.00 – 11.30:  Pausa caffè
11.30 – 12.30: Chi è il caregiver e quale è il suo ruolo per il paziente
12.30 – 13.30: Cosa è il Caregiver Burden
13.30 – 15.00:  Pausa Pranzo
15.00 – 16.00: Strategie efficaci per contrastare lo stress del caregiver
16.00 – 18.00: Strategie di riabilitazione per il paziente con demenza di Alzheimer

Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 € + IVA

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.


  • -
funzioni esecutive

Funzioni esecutive: valutazione e riabilitazione

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Funzioni esecutive. Le funzioni esecutive sono quelle capacità che riguardano i processi mentali finalizzati all’elaborazione di schemi cognitivo-comportamentali adattivi che servono ogni qualvolta bisogna risolvere un nuovo compito. Il DSM-V definisce le abilità esecutive come alla base della pianificazione, presa di decisioni, memoria di lavoro, risposta correttiva a un feedback di errore, abitudini predominanti, flessibilità mentale. Le tre funzioni di base delle funzioni esecutive sono: shifting, la flessibilità cognitiva di passare da un’operazione mentale a un’altra controllando l’interferenza reciproca tra le due azioni; inhibition, abilità di controllare le risposte automatiche che interferiscono nel raggiungimento di uno scopo; updating, capacità di mantenere, aggiornare ed elaborare le informazioni a mente nel tempo utile alla risoluzione di un compito.funzioni esecutive

La sindrome disesecutiva colpisce per lo più i sistemi cognitivi legati alla programmazione, organizzazione, controllo comportamentale o flessibilità nell’adattarsi a situazioni nuove.  Dunque un deficit relativo alle funzioni esecutive comporta una incapacità di inibizione di risposte automatiche che sono non pertinenti al compito, una difficoltà a pianificare con accuratezza i compiti e mantenere uno schema comportamentale inibendo qualsiasi tipo di interferenza e un deficit della memoria di lavoro che potrebbe ripercuotersi sull’attenzione.

I test che sono più utilizzati per la valutazione delle funzioni esecutive sono: la Torre di Londra, che prova la capacità di pianificazione, di problem solving e d’inibizione; dimentional change card sort test, è un compito che valuta la flessibilità, matching familiar figure test, valuta l’uso di strategie di ricerca visiva, controllo della risposta impulsiva e dell’interferenza.

Intervenire sulle Funzioni Esecutive significa lavorare con un insieme di capacità molto complesse che hanno ripercussioni sull’autonomia e sul funzionamento sociale del paziente. Ad esempio si può lavorare sulla pianificazione, esplicitando una sequenza di azioni che bisogna mettere in atto per raggiungere un obiettivo; memoria di lavoro visuo-spaziale e verbale; training di inibizione, proponendo attività che seguono il paradigma di Stroop, volto a bloccare la risposta più immediata ed automatica e favorire quella che potremmo definire secondaria; training di shifting, cambiare il criterio in atto nel corso dell’azione. La letteratura ci insegna che per potenziare le funzioni esecutive nei pazienti cerebrolesi bisogna utilizzare delle procedure che si focalizzano sull’esercizio continuo e su più livelli, al fine di incrementare la possibilità che gli effetti del training si trasferiscano ad altre abilità su cui non si è direttamente lavorato.

Obiettivi:

  • Acquisire la capacità di progettare un percorso di riabilitazione con un paziente con disturbi delle funzioni esecutive
  • Fornire modelli clinici e teorici che presentino le problematiche coinvolte da tali disturbi
  • Comprendere il cambiamento clinico e psicologico del paziente
  • Imparare a riconoscere e valutare un paziente con deficit delle funzioni esecutive

Programma corso:

8.30 -09.00: Registrazione dei partecipanti
9.00 – 10.00: Modelli teorici e clinici: le funzioni esecutive
10.00 – 11.00:  Aspetti valutativi delle funzioni esecutive
11.00 – 11.30:  Pausa caffè
11.30 – 12.30: Modelli per la riabilitazione delle funzioni esecutive
12.30 – 13.30: Strategie di valutazione e riabilitazione: modelli clinici specifici
13.30 – 15.00:  Pausa Pranzo
15.00 – 16.00: Presentazione di casi clinici con discussione
16.00 – 18.00: Strategie e tecnologie di valutazione e riabilitazione personalizzate per casi specifici

Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 € + IVA

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.


  • -
trauma cranico

Trauma cranico: l’inquadramento clinico e gli approcci riabilitativi

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Trauma cranico. Il trauma cranico è responsabile della maggior parte delle disabilità permanenti nel mondo e avviene quando le lesioni cerebrali sono determinate da un trauma improvviso. Il trauma cranico può causare: fratture al cranio, cioè la rottura delle ossa del cranio; commozioni cerebrali, un trauma che determina una temporanea perdita della funzione cerebrale; contusione, è una lacerazione del cervello caratterizzata da un accumulo di sangue all’interno del cervello o tra il cervello e il cranio; danni alle cellule nervose. In molti casi, il trauma cranico può determinare l’insorgere di disabilità spesso permanenti da un punto di vista cognitivo e comportamentale, come amnesie, afasie, disturbi attentivi, alterazione dell’umore, alterazione del ritmo sonno-veglia etc. Il trauma può essere considerato di alto grado di danneggiamento quando comprende almeno una delle seguenti aree: apprendimento e memoria, linguaggio, abilità percettive, cognizione sociale (riconoscimento di emozioni), abilità esecutive, attenzione complessa. Può sussistere anche un lieve deterioramento cognitivo di una o più aree cognitive precedentemente menzionate. Gli eventuali problemi a lungo termine dovuti al trauma dipendono dalla sua gravità, dalla localizzazione nel cervello, dall’età e dallo stato di salute del paziente. Grazie alla ricerca sappiamo che il cervello è plastico anche in età adulta, cioè che tende a riorganizzarsi e modificarsi in seguito all’esperienza. Dunque il sistema di reti e di connessioni cerebrali tende modificarsi per rispondere meglio alle richieste dell’ambiente. In recenti studi è stato dimostrato che esiste una stimolazione della neurogenesi in prossimità di una lesione, che mostrano la possibilità naturale del nostro corpo di poter ottenere un recupero.

trauma cranico

La programmazione del trattamento riabilitativo di un trauma cranico deve tener conto del livello di gravità degli esiti post-traumatici, della distanza temporale dall’evento traumatico e del profilo sintomatologico neuropsicologico. Esistono vari approcci riabilitativi che intervengono a diversi livelli ed hanno obiettivi differenti. Tali approcci si distinguono in: strutturali, che intervengono sul livello strutturale di una determinata funzione che risulta compromessa; cognitiviste, intervengono su un passaggio o su una componente di una sequenza di elaborazione; comportamentistiche, intervengono applicando tecniche in grado di modificare comportamenti inadeguati nell’interazione ambientale e sociale; occupazionali, agiscono in modo ecologico ed olistico, attraverso il riaddestramento a compiere le attività più comuni della vita quotidiana. Le tipologie di intervento sopradescritte possono essere eseguite sia a livello individuale che di gruppo, il primo preferibile per la rieducazione dei disturbi cognitivi e il secondo per la rieducazione del comportamento comunicativo e relazionale.

Obiettivi:

  • Fornire nozioni cliniche e modelli teorici sul trauma cranico
  • Comprendere le basi della riabilitazione del TC
  • Conoscere la classificazione e la valutazione del TC
  • Comprendere le implicazione neuropsicologiche dopo un TC

Programma corso:

8.30-09.00: Registrazione dei partecipanti
9.00-10.00: il trauma cranico: modelli di funzionamento neuro-cognitivo ed applicazioni cliniche
10.00-11.00: Classificazioni e caratteristiche del trauma cranico
11.00-11.15: Pausa caffè
11.15-12.45: La valutazione delle funzioni compromesse dopo il trauma
12.45 -13.45: Pausa Pranzo
13.45 -15.30: Approcci riabilitativi: interventi classici ed ecologici
15.30 – 16.30: Presentazione di casi clinici e discussione plenaria

Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 € + IVA

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.


  • -
anosognosia

Anosognosia. Valutazione e riabilitazione della persona con disturbi di consapevolezza

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Anosognosia. Valutazione e riabilitazione della persona con disturbi di consapevolezza

Anosognosia. La consapevolezza è un concetto ampio e profondo, che comprende la consapevolezza di sé, dell’intorno, del presente, delle nostre azioni e delle loro conseguenze. Potrebbe essere definita come presenza cosciente nel hic et nunc, qui ed ora. Tutto ciò di cui siamo consapevoli in un dato momento forma una parte della nostra coscienza, “facendo dell’esperienza cosciente l’aspetto, al tempo stesso, più familiare e più misterioso della nostra vita” (Velmans & Schneider, 2007).

L’ anosognosia è un disturbo neuropsicologico legato alla sfera della consapevolezza che si riflette nella inabilità della persona a riconoscere di possedere un deficit neurologico. Il paziente anosognosico quindi non è consapevole di aver perso delle capacità dovute a una lesione cerebrale. Si possono osservare vari cambiamenti nell’individuo di natura comportamentale, affettiva e cognitiva. Ad esempio, il fenomeno dell’ anosognosia riguarda la vista, può essere riscontrato in funzioni motorie nei pazienti colpiti da paresi o plegia, per le funzioni linguistiche, per quelle mnestiche, per la demenza, per il neglect e in altre sindromi e condizioni. Tale fenomeno è molto frequente nei soggetti colpiti da ictus ed ha un forte impatto sulla vita del paziente, per cui è necessario conoscerlo e valutarlo per calibrare meglio il trattamento riabilitativo.anosognosia

La valutazione della consapevolezza di sé può essere effettuata mediante l’utilizzo di alcuni questionari e scale suggeriti dalla letteratura scientifica, come: Open Question Arti Inferiori, Berti et al; AHA- Assessment of Anosognosia For Hemianaesthesia, Spinazzola et al.). Bisogna combinare l’utilizzo di tali questionari al giudizio clinico al fine di valutare il grado di consapevolezza del paziente, in quanto si può possedere una percezione del problema eppure sottostimare o sovrastimare le conseguenze. Esistono dunque vari metodi per valutare il disturbo anosognosico, incluse le tecniche di neuroimaging e altre tecnologie. Le moderne tecniche di neuroscienze cognitive, quali la risonanza magnetica funzionale (fMRI), la tomografia ad emissione di positroni (PET), la tomografia computerizzata a emissione di fotone singolo (SPECT) e l’elettroencefalografia (EEG), offrono un importante contributo nella valutazione e studio dei correlati neuro-anatomici della consapevolezza di sé.

Il trattamento riabilitativo è perlopiù centrato sull’utilizzo di stimolazioni sensoriali e sul potenziamento delle abilità di metacognizione e automonitoraggio. Obiettivo finale di tale training metacognitivo è che i processi cognitivi escano allo scoperto e divengano presenti alla coscienza del paziente. La letteratura ci suggerisce che tipicamente l’anosognosia sia legata ad una lesione cerebrale nell’emisfero destro, dato il suo maggior coinvolgimento nei processi di consapevolezza e le aree maggiormente coinvolte siano i lobi prefrontali e parieto-temporali e, a livello subcorticale, il talamo. Infatti, le lesioni in queste aree si associano spesso a disturbi relativi all’elaborazione visuo-spaziale, al monitoraggio della realtà e della veridicità delle informazioni e al recupero delle memorie al sé, nonché a disturbi neuropsichiatrici come confabulazioni, falsificazioni della memoria autobiografica e stati persecutori (Venneri e Shanks, 2004), tale individuazione neuroanatomica appare plausibile con la variabilità dei sintomi.

Obiettivi

  • Fornire nozioni teoriche e cliniche sul concetto di consapevolezza
  • Imparare a riconoscere i disturbi della consapevolezza
  • Conoscere le implicazione sul sistema cognitivo
  • Conoscere nuove tecniche di valutazione e riabilitazione

Programma Corso

8.30  –  09.00: Registrazione dei partecipanti
9.00 – 10.00: Fondamenti teorici e clinici: la consapevolezza
10.00 – 11.00: Panorama generale: i disturbi della consapevolezza
11.00 – 11.30:  Pausa caffè
11.30 – 12.30:  Test per la valutazione della consapevolezza
12.30 – 13.30: Riabilitare la consapevolezza: quali metodi
13.30 – 15.00:  Pausa Pranzo
15.00 – 16.00: Presentazione di casi
16.00 – 18.00: Strategie personalizzate e tecnologie avanzate per la diagnosi dei disturbi della consapevolezza

Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 € + IVA

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma


  • -
aprassia

Aprassia nel cerebroleso adulto: come riconoscerle e come trattarle

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Aprassia nel cerebroleso adulto: come riconoscerle e come trattarle

Aprassia. L’aprassia acquisita è un disturbo dell’attività motoria che si manifesta nel momento in cui l’individuo deve eseguire un movimento finalizzato, che era stato avviato intenzionalmente e che era dotato di scopo. E’ considerato un disturbo di natura neuropsicologica che è dovuto a trauma cranico, ictus, tumore cerebrale e malattia di Alzheimer. Il danno colpisce la capacità del cervello di segnalare correttamente le istruzioni per il corpo. Si possono distinguere varie forme di aprassia, ciascuna delle quali è legata al livello del processo di elaborazione deficitario:

  • Aprassia ideomotoria (AIM), è la impossibilità di eseguire un gesto in seguito a comando verbale, pur non essendoci alcuna tipologia di problema relativo all’attività spontanea e ai riflessi. Tale tipologia di aprassia è dovuta a lesioni del lobo parietale dell’emisfero dominante.
  • Aprassia ideativa (AI), difficoltà nella coordinazione dei movimenti che richiedono l’utilizzo di un oggetto. I gesti sono continuamente interrotti e confusi. E’ dovuta a lesioni della corteccia parieto-temporo-occipitale dell’emisfero dominante)
  • Aprassia costruttiva, difficoltà a determinare le relazioni spaziali di parti di oggetti o di oggetti, denota dunque un difetto dell’abilità di combinare ed organizzare, in cui i dettagli dovrebbero essere percepiti in un insieme.
  • Aprassia dinamica, incapacità di realizzare una sequenza di movimenti rapidiaprassia

E’ dunque semplice riconoscere i sintomi dell’aprassia in quanto sono generalmente legati alla sequenza di atti legati all’apprendimento. Di solito il paziente aprassico non è in grado di eseguire degli ordini che gli vengono impartiti, nonostante gli ordini in questione vengano capiti perfettamente. Quindi si tratta di una situazione patologica legata a lesioni dei centri superiori di associazione del cervello e in particolare a tutte quelle strutture che sono legate all’esecuzione di una sequenza di azioni.Il trattamento dell’aprassia dipende molto dalla profondità delle lesione e dalla tipologia di aprassia che presenta il paziente. Ad esempio, nel caso di un disturbo prettamente esecutivo, cioè in assenza di alterazioni del riconoscimento dei movimenti appresi, il riabilitatore si concentrerà soprattutto a sollecitare l’attenzione e la concentrazione nel corso del movimento. Nel caso in cui venga diagnosticato un deficit che riguarda più che altro il sistema semantico, il riabilitatore si concentrerà sulla rieducazione di un gesto che implica l’utilizzo di tale oggetto, sia in termini di riconoscimento che di discriminazione, aiutando il paziente attraverso filmati, fotografie o disegni. La letteratura ci insegna come nella valutazione e nel trattamento dell’aprassia, sia necessario un approccio ecologico: il paziente, quindi, deve essere valutato in situazioni di vita quotidiana; il colloquio, sia con il paziente che con i caregivers, è essenziale per valutare la consapevolezza circa il deficit; l’intervento per i pazienti più gravi deve essere orientato ad un adattamento delle condizioni ambientali. Inoltre, studi recenti hanno dimostrato l’efficacia di interventi terapeutici e riabilitativi effettuati presso la casa stessa del paziente, allo scopo di facilitare la generalizzazione della terapia (Boman et al., 2004).

Obiettivi

  • Fornire nozioni base sul riconoscimento delle aprassie
  • Comprendere le basi del trattamento nel cerebroleso adulto
  • Conoscere come si manifestano e le implicazione delle aprassie sul funzionamento cerebrale
  • Conoscere nuove metodiche di valutazione e riabilitazione

Programma corso

8.30  –  09.00:Registrazione dei partecipanti
9.00 – 10.00: Conoscere le aprassie
10.00 – 11.00: Panorama generale: quali implicazioni nel cerebroleso adulto
11.00 – 11.30:  Pausa caffè
11.30 – 12.30:  Metodi di indagine: come riconoscere le aprassie
12.30 – 13.30: La riabilitazione delle aprassie nel paziente cerebroleso adulto
13.30 – 15.00: Pausa Pranzo
15.00 – 16.00: Presentazione di casi
16.00 – 18.00: Strategie personalizzate e tecnologie per la valutazione e riabilitazione delle aprassie.
Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 € + IVA

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.

Ti potrebbe interessare anche:


 


  • -
funzioni attentive

Funzioni attentive nel paziente cerebroleso: valutazione e riabilitazione

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Funzioni attentive nel paziente cerebroleso: valutazione e riabilitazione

Funzioni attentive. Il cervello può subire varie lesioni in qualunque momento della vita di un individuo: dal concepimento alla nascita, fino all’età adulta. Un danno cerebrale di origine traumatica o di altra natura, può determinare una condizione di coma, più o meno duraturo, e menomazioni sensomotorie, cognitive o comportamentali, che possono indurre una significativa disabilità. Da tale definizione vengono escluse le cause pre natali o post parto, le malattie degenerative del sistema nervoso e le patologia cerebrovascolari. Tali cerebrolesioni rappresentano un problema sanitario per vari motivi, in quanto colpiscono spesso giovani e adulti in piena età scolastica o lavorativa, per l’impatto emotivo che hanno sulla persona colpita che deve modificare il proprio stile di vita, a causa delle conseguenze sociali in termini di reinserimento lavorativo e scolastico, e soprattutto per la complessità della disabilità nelle varie funzioni dell’individuo.

funzioni attentive

I deficit cognitivi che insorgono a seguito di lesioni cerebrali possono riguardare lesioni di varia natura come la percezione, le funzioni esecutive, il movimento, l’attenzione, la memoria e il linguaggio. In particolare, un’alterazione delle funzioni attentive nel cerebroleso può manifestarsi in vari modi in quanto tale fenomeno non è unitario, ma richiede il coinvolgimento di svariati processi mentali. Infatti, il processo attentivo è in grado di ottimizzare l’elaborazione delle informazioni attraverso più proprietà, come: la detenzione e il riconoscimento degli stimoli, la possibilità di memorizzare e la capacità di richiamare eventi significativi. Tuttavia è possibile individuare delle caratteristiche tipiche, per cui ad esempio il paziente può presentare una eccessiva distraibilità e tendenza a perdersi nei dettagli con incapacità di sintesi, confusione mentale, inconcludenza nel portare a termine qualunque operazione, imprevedibilità etc. In generale dunque si riscontra una incapacità di focalizzare l’attività mentale su una operazione mentale, con impossibilità di migliorare le prestazioni di tale operazione. L’iter valutativo prevede la raccolta di informazioni da diverse fonti con interviste semistrutturate e/o questionari e una valutazione testistica approfondita in cui si indagano le abilità nei diversi sistemi coinvolti nell’attenzione, cioè attenzione focalizzata (o selettiva), attenzione divisa (o distribuita), allerta e attenzione sostenuta (o diffusa).

La riabilitazione di tali pazienti riguarda specifici interventi personalizzati in base alla natura e intensità della lesione. E’ bene citarne alcuni come il training cognitivo, che consiste nel potenziamento delle abilità cognitive che prevedono sia le strategie per far fronte a carenze individuali, sia gli esercizi per potenziare le abilità in cui si riscontrano maggiori difficoltà. Inoltre, in letteratura si citano ampiamente le funzioni attentive lesionate a seguito di una cerebrolesione acquisita e gli interventi riabilitativi più efficienti. I contributi più recenti mostrano come un approccio di tipo selettivo, attraverso il quale si focalizza l’intervento nel miglioramento di funzioni attentive specifiche, può determinare dei miglioramenti più consistenti rispetto ad un approccio globale.

Obiettivi

  • Fornire nozioni sul funzionamento delle funzioni attentive
  • Imparare a riconoscere le implicazioni del trauma cranico sulle funzioni attentive
  • Riconoscere la specificità dei singoli casi
  • Conoscere nuove metodiche di valutazione e riabilitazione

Programma del corso

8.30  –  09.00:Registrazione dei partecipanti

9.00 – 10.00: Inquadramento teorico delle funzioni attentive

10.00 – 11.00: Panorama generale: il trauma crenico e le implicazioni sulle funzioni attentive

11.00 – 11.30:  Pausa caffè

11.30 – 12.30:  La valutazione deli disturbi delle funzioni attentive in relazione al TC

12.30 – 13.30: La riabilitazione delle funzioni attentive in relazione al TC

13.30 – 15.00: Pausa Pranzo

15.00 – 16.00: Presentazione di casi

16.00 – 18.00: Nuove strategie per la valutazione e riabilitazione delle funzioni attentive

Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 € + IVA

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.

Ti potrebbe interessare anche:


 


  • -
afasia

Afasia. Valutazione e riabilitazione dei disturbi del linguaggio e della comunicazione

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Afasia. Valutazione e riabilitazione dei disturbi del linguaggio e della comunicazione

Afasia.La comunicazione è un aspetto essenziale della vita umana, è ciò che più ci caratterizza in quanto specie e rappresenta una base imprescindibile nello sviluppo delle capacità di interazione verso una sempre maggiore autonomia. Tuttavia, a seguito di un ictus o lesione cerebrale possono presentarsi dei disturbi del linguaggio. Occorre distinguere tipologie di disturbi differenti: le afasie dovute alla perdita parziale o completa della capacità di esprimersi o di comprendere parole scritte o dette a voce, la cui lesione interessa il centro del linguaggio nel cervello; i disturbi di articolazione del linguaggio (disartria) dovuti ad un’alterata funzione dei muscoli coinvolti nell’articolazione; disturbi di fonazione (disfonia) dovuti ad un’alterata funzione dei muscoli coinvolti nella fonazione; disturbi della comunicazione verbale dovuti ad alcune malattie mentale o a demenza. Concentrandoci sugli afasici possiamo riscontrare dei disturbi dell’espressione orale, della comprensione, della scrittura e della lettura. Per cui è possibile identificare delle tipologie anche in base alla sede della lesione: afasia globale, associata a grave difetto di comprensione, scrittura, lettura ed espressione orale non fluente; afasia di Broca, in cui la scrittura e la lettura sono generalmente alterate e l’espressione orale non è fluente; afasia di Wernicke, fluente ed associata a un grave difetto di comprensione, scrittura e lettura; afasia amnestica e di conduzione.

afasia

La valutazione del linguaggio, orientata all’individuazione di un’afasia, prevede l’utilizzo di vari test, tra cui: il Test di costruzione frasi, Test di Fluenza Verbale Fonemica, Esame Neuropsicologico per l’Afasia (ENPA), Batteria sul Linguaggio dell’emisfero Destro (BLED), Batteria per l’Analisi dei Deficit Afasici (BADA) e molti altri. Per la valutazione delle prestazioni dell’individuo in diverse prove di produzione e di comprensione è bene eseguire diverse prove che possano indirizzarci circa la natura del problema.

Sulla base delle informazioni ottenute dalle valutazioni precedenti vengono, quindi, stabilite priorità logiche e cronologiche del trattamento; si procede all’individuazione dell’approccio ritenuto più appropriato in base alle caratteristiche del paziente. La letteratura mostra come nelle afasie fluenti la consapevolezza da parte del paziente dei propri deficit rappresenta un primo step affinchè possa realizzarsi una modifica dei comportamenti tali da indurre il paziente all’uso di una comunicazione intenzionale più efficace. Invece, nei soggetti con afasia non fluente è prioritaria una stimolazione linguistico-verbale attraverso l’apprendimento di strategie utili all’evocazione lessicale e al ripristino della programmazione motorio-articolatoria.

Obiettivi

  • Fornire nozioni sul funzionamento del linguaggio e della comunicazione
  • Imparare a riconoscere i disturbi del linguaggio
  • Conoscere le modalità di riabilitazione
  • Conoscere nuove metodiche di valutazione e riabilitazione

Programma del corso:

8.30-09.00: Registrazione dei partecipanti
9.00-10.00: Linguaggio e comunicazione: modelli teorici
10.00-11.00: Afasie e loro classificazione
11.00-11.30: Pausa caffè
11.30-13.30: Valutazione dei disturbi del linguaggio: test neuropsicologici
13.30-15.00: Pausa Pranzo
15.00-17.00: Riabilitare la comunicazione: terapie logopediche, neuromotorie e tecnologie
17.00-18.00: Presentazione e discussione di casi clinici

Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 €

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.

Ti potrebbe interessare anche:


 


  • -
stress

Stress. Come il corpo subisce gli effetti dello stress

Category:News Area Formazione,tutte le News Tags : 

Stress. Come il corpo subisce gli effetti dello stress

Stress. Perchè spesso lo stress potrebbe avere delle conseguenze anche a livello corporeo. Ci hai mai pensato? Forse questa associazione non è così immediata perché normalmente si è portati a pensare che questo incida principalmente sull’ aspetto emotivo.

Ma andiamo per ordine: che cos’è prima di tutto lo stress? Esso può essere definito come una risposta psicofisica alla richiesta di svolgimento di compiti molto differenti tra loro siano essi di tipo cognitivo, emotivo o sociale, che vengono percepiti dalla persona come eccessivi.

stress

Ovviamente non tutti i tipi i stress sono uguali per tutti, in quanto dipendono molto dall’interazione fra fattore scatenate o stressor e la persona in questione. Infatti una situazione stressante può essere scatenata in una persona da un fattore negativo come la morte di una persona o una separazione, come anche in un’latra persona da un evento piacevole come il matrimonio o la nascita di un figlio.

Di conseguenza anche la sua durata è differente, poiché la singola presentazione dell’evento fa si che questo abbia una durata  limitata e venga definito come acuto, mentre se è presente in maniera costante viene classificato come cronico.

Lo stress può provocare oltre che conseguenze di tipo emotivo, anche fisico. A questo proposito, l’obiettivo di questa seconda giornata di corso è quello di chiarire quali possono essere gli effetti dello stress a livello corporeo.

Ad esempio proviamo ad immaginare una situazione di forte stress al lavoro o nella vita privata; il sintomo più riconoscibile sarà sicuramente uno stato ansioso o un umore deflesso, ma proviamo a pensare anche quale potrebbe essere l’effetto sul nostro fisico. Infatti un momento difficile o di cambiamento della propria vita può portare ad avere una dieta squilibrata (poco appetito o grandi abbuffate), che possono alterare alcuni parametri fisici come ad esempio la glicemia e l’assetto lipidico, o procurare cambiamenti a livello della massa muscolare.

Durante il corso, come già anticipato, sarà possibile sottoporsi ad un’analisi della propria Human Body Composition, che permette di rilevare diversi parametri quali  massa magra – massa grassa, idratazione, elettroliti dentro e fuori le cellule, sistema tampone acido-basico, e l’angolo di fase strettamente legato ai livelli di stress.

Se sei curioso di scoprire quanto lo stress possa influire sul tuo fisico e vuoi avere un’analisi dettagliata dei risultati ottenuti da parte degli  esperti del nostro team, non perdere tempo ed iscriviti subito inviando un email a questo indirizzo: segreteria@braincare.it

Per scaricare la brochure completa del Per-Corso clicca QUI.

Ti potrebbe interessare anche:



News Area Clinica

News Area Benessere

News Area Espansione

News Area Formazione

Translate »
سكس لبن كس hot-hard-porn.com سكس ريفى افلام سكس اجنبي مترجم عربي teenki.com افلامجنسيه نيك بنات مصريه sexpornosikisx.com سكسىبانى نيك ورعان superamateurtube.com صور سكس مايا خليفة كسها نار farmsextube.net سكس اكبر قضيب
أفلام بورن hurryplay.net سكس طري نيك بنت محجبة oldyoungtube.org اجمل بز افلام سكس تركي arabysexy.mobi سكس المصرى قصص سكس شوشو وفوفا ar.rajwap.xyz ام تغتصب ابنها افلام اباحيه عربي ar.bongacams.com سكس رجل ديوث
صور طيز سالب arabic-porn.com طيزك حمرا افلامك نت ١ arab2love.com افلام هوليود الاباحية ايمان سكس arabporna.net نيك مرات نيك في البحر milfhdtube.net سكس برتغالى بينيكها trend-arabic.com افلام سكس نسوان كبيره