Author Archives: Anna Cantagallo

  • -
parlare

Una comunicazione efficace per superare la paura di parlare in pubblico

Tags : 

Parlare. Quante volte ti è capitato di parlare di fronte ad un pubblico senza riuscire a catturare la loro attenzione? Ti è mai successo di non avere più salivazione e di  non ricordare quello che volevi dire?.

parlare

La paura di parlare in pubblico a quanto pare è una delle fobie più diffuse, tanto che ci sono fonti che indicano che lo stesso Cicerone, uno dei più grandi oratori della storia, avesse questa paura. L’origine di quest’ultima risiede nel fatto che tutto ciò che è nuovo e pericoloso causa stress. Quando si parla di pericolo non si intende il fatto che la vita della persona è a rischio, quanto che potrebbe essere colpito il proprio ego, la propria reputazione o posizione lavorativa.Questa fobia poi si manifesta con diverse reazioni fisiologiche quali  ad esempio sudorazione, tachicardia o rossore alle guance.In generale questa fobia se ben bilanciata può essere anche d’aiuto, perché permette di avere la spinta giusta per affrontare al meglio la situazione. Infatti la paura bisogna trasformarla in adrenalina senza soffermarsi sui singoli sintomi!Ovviamente la paura di parlare in pubblico non coinvolge tutti, ma a volte il problema risiede nella capacità di mettere in atto una comunicazione efficace. Ad esempio può succedere che nel momento in cui la persona si trova a dover affrontare un discorso davanti ad una platea, a livello didattico riesce a portarlo a termine, ma non è in grado di “arrivare a colpire il cuore degli altri”.

Questo sicuramente rappresenta un grosso limite, anche perché la capacità di entrare in profonda connessione con gli altri è uno degli aspetti fondamentali per diventare un buon oratore.Queste sono solo alcune delle tematiche che verranno affrontate durante il corso Speaking to Inspire. Infatti verranno forniti gli strumenti per imparare a parlare in pubblico, a comunicare con la voce e con il corpo, a creare la giusta interazione con l’auditorio e a trasmettere il messaggio con la giusta enfasi ed emozione.  Se sei quindi interessato ad allenare le tue capacità di oratore iscriviti subito qui.


  • -
cerebrolesione

La cerebrolesione acquisita associata a disturbi del comportamento

Tags : 

Cerebrolesione. La Cerebrolesione acquista è definita come un danno cerebrale le quali cause possono essere di diversa natura, come ad esempio traumatica o vascolare. Gli esiti conseguenti al danno sono molto differenti tra loro, ma casi di cerebrolesione acquista grave sono spesso associati a disturbi del comportamento. Questo aspetto è stato confermato anche da alcuni studi che hanno dimostrato che gravi lesioni cerebrali sono associati a disturbi neuropsichiatrici, in particolar modo ad apatia, irritabilità, umore depresso, disinibizione, disturbi alimentari e agitazione (A. Cantagallo et al.,2010). I disordini comportamentali possono essere racchiusi in due diverse categorie, che presentano caratteristiche cliniche differenti. La prima viene definita come passivo-difettuale ed include tutti i comportamenti che si manifestano con una riduzione dell’attività ed iniziativa, anche in assenza di conclamati deficit motori. Alcuni dei sintomi possono essere apatia, riduzione dell’iniziativa, perdita di interesse per attività sociali che precedentemente procuravano piacere e trascuratezza personale. La manifestazione di tali comportamenti coinvolge principalmente le regioni frontali mediali e molte volte esiti di questo tipo possono essere confusi con manifestazioni cliniche depressive, soprattutto quando sono conseguenti a cerebrolesione acquisita lieve con quasi totale assenza di deficit cognitivi (Cantagallo et al., 2012).

cerebrolesionePer questo motivo è sempre necessario fare una valutazione dettagliata per comprendere la reale natura di questi sintomi. L’altra categoria invece include eccessi comportamentali, che procurano maggiori effetti negativi a livello di adattamento ai diversi ambiti di vita quotidiana.  Esiti comportamentali di questo tipo si manifestano sotto forma di aggressività, disinibizione, confabulazione, perseverazione e irritabilità. Nelle situazioni più gravi si possono sviluppare modificazioni della personalità con caratteristiche di tipo psicotico, come sregolatezza, disinibizione e disforia. Queste alterazioni sono soprattutto causate da un danno a livello della regione orbitofrontale  e del sistema limbico (Cantagallo et. al. 2010). Indipendentemente dal tipo di esito i disturbi del comportamento conseguenti a cerebrolesione acquisita  influiscono molto negativamente sia sulla vita del paziente che su quella del familiare che lo deve assistere. Inoltre molto spesso la persona non ha consapevolezza della sua reale condizione, quindi anche a livello terapeutico non è facile intervenire, poiché vi è assenza di compliance. Tuttavia se i disturbi sono di tipo lieve/moderato diverse sono le tecniche riabilitative e valutative che possono essere applicate sia sul paziente che sul caregiver. Ad esempio per il recupero della persona può essere applicata la tecnica cognitivo-comportamentale che unisce la relazione terapeutica alla somministrazione di gratificazione e rinforzi, che facilitano l’aumentano della consapevolezza e il raggiungimento di obiettivi terapeutici  (Cantagallo et. al. , 2012). Dall’altra parte è molto importante che anche i familiari vengano istruiti su come gestire al meglio i disturbi comportamentali e che in questo loro percorso si sentano sostenuti.

Se quindi sei interessato a conoscere in modo approfondito le tecniche riabilitative e valutative riguardanti questi disturbi, non perdere tempo ed iscriviti subito qui al nostro corso!

Ti aspettiamo!!


  • -
conduttanza cutanea

Conduttanza cutanea. Alla scoperta degli indici del Biofeedback

Tags : 

Conduttanza cutanea. Il Biofeedback utilizza indici psicofisiologici e uno molto utilizzato è la conduttanza cutanea, skin conductance (SC). I cambiamenti associati a questo indice rispecchiano l’attivazione del sistema nervoso simpatico, ovvero quel sistema che ci fa “attivare”, che mobilita la nostra energia nei muscoli e ci prepara all’azione. Quando infatti il sistema nervoso simpatico si attiva le ghiandole eccrine si attivano e riempiono i dotti sudoripari e le proprietà saline del sudore modificano la capacità di condurre elettricità. Questo tipo di ghiandole si concentrano soprattutto sui palmi della mano e dei piedi. Ciò significa che più sudore è uguale ad una maggiore attivazione del sistema nervoso simpatico e quindi a una maggiore conduttanza cutanea.

conduttanza cutanea

Da un punto di vista evolutivo il sudore rappresenta una reazione di stress, in quanto mani più umide servano a proteggersi dalle ferite, a migliorare la sensibilità tattile, contribuiscono alla termoregolazione, per questo quando si fa una misurazione bisogna tener conto anche della temperatura esterna, e infine servono a espellere tossine. I sensori che si applicano per misurare la conduttanza cutanea applicano una leggerissima corrente elettrica, misurando poi il tempo impiegato nel trasmettere l’impulso da un elettrodo all’altro. Questo sistema di misurazione tuttavia non distingue un’attivazione emozionale positiva o negativa ma evidenzia solo un’attivazione del sistema nervoso.  Per questo la conduttanza cutanea va a misurare quello che in gergo tecnico viene chiamato arousal ovvero l’attivazione generale che proviamo quando ad esempio ci troviamo di fronte a una minaccia oppure a una festa a sorpresa per il nostro compleanno.

Attraverso il training di biofeedback possiamo imparare a controllare la nostra attivazione tramite la misurazione di questo indice e quindi a raggiungere più facilmente uno stato di rilassamento o di dis-attivazione.

Se sei interessato a saperne di più iscriviti alla nostra serata mandando una mail ad info@braincare.it o tramite il link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-scopri-quanto-sei-di-stressato-48443114660

Ti aspettiamo!


  • -
conduttanza cutanea

Biofeedback: scopriamo cos’è il BioFeedBack e quali sono le sue funzioni

Tags : 

Biofeedback. Per spiegare che cos’è il Biofeedback bisogna introdurre prima un altro concetto ovvero quello di psicofisiologia, la disciplina che studia gli stessi fenomeni della psicologia ovvero fenomeni sociali comportamentali, emotivi e psichici, utilizzando degli indici fisiologici oltre all’impiego di quelli comportamentali ed emotivi. Gli strumenti nella psicofisiologia sono usati non solo come tecniche di valutazione ma anche come tecniche di intervento. Nel 1968 Miller dimostrò che il sistema nervoso autonomo (ovvero quel sistema che non ricade sotto il nostro controllo cosciente) può essere influenzato, tuttavia i risultati di questa scoperta non poterono essere replicati e ciò minò la sua validità. Tuttavia gli sforzi di Miller non furono vani perché la sua scoperta creò un dibattito molto acceso sul tema che permise la nascita della teoria del biofeedback. Oggi grazie alla tecnologia il BFB vive una seconda nascita. L’ abbattimento dei costi relativi ai macchinari e la possibilità di avere indici e funzioni migliori permette di avere una maggiore precisione nelle misurazioni, cosa che si rivela essere essenziale all’interno della seduta.biofeedback I presupposti che sono alla base del BFB sono quelli che riguardano il rapporto mente corpo, ovvero ad ogni cambiamento fisiologico è associato un cambiamento psicologico, le persone quindi possono sviluppare abilità di regolazione se ricevono un feedback accurato. Biologicamente parlando, dalle zone corticali e subcorticali l’informazione si manifesta a livello fisiologico, in questo modo salute e prestazione sono influenzate e allo stesso tempo associate a specifici stati fisiologici e psicofisiologici. Proprio per questo principio una migliore auto-regolazione fisiologica può migliorare la salute e/o incrementare la prestazione umana. Le persone diventano quindi più “flessibili” nel passare da uno stato all’altro.

In sintesi quindi il biofeedback è un processo di apprendimento che permette di modificare la propria fisiologia, col fine di migliorare la salute o incrementare la performance.

Se ti dicessi che puoi imparare a respirare meglio, rilassare i tuoi muscoli e abbassare il tuo battito cardiaco quando troppo accelerato?

Ti sto parlando del BIOFEEDBACK, un processo di apprendimento per modificare i tuoi indici in modo da aumentare la tua SALUTE e incrementare la tua PERFORMANCE!

Se sei interessato iscriviti alla nostra serata mandando una mail ad info@braincare.it o tramite il link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-scopri-quanto-sei-di-stressato-48443114660

Ti aspettiamo!

 


  • -
resistenza

Resistenza. L’importanza della forza mentale negli sport di resistenza

Tags : 

Resistenza. Gli sport di resistenza per essere svolti a livello ottimale richiedono sempre una forte forza mentale. Tutti i grandi atleti, infatti, oltre ad avere delle abilità fisiche innate hanno bisogno del sostegno della propria mente che gli sussurra “ce la puoi fare”. La resistenza quindi è dettata sia da fattori fisiologici, come ad esempio la ventilazione polmonare e la gittata cardiaca, ma anche dal cervello. Questo vuol dire che nel primo caso giocano un ruolo importante anche gli aspetti genetici e ambientali. Ad esempio molti atleti etiopi e keniani registrano performance di resistenza ottimali aiutati dal fatto che il loro Dna li predispone a svolgere sport di questo tipo. Ciò è sostenuto da diversi studi che dimostrano come tali etnie crescano con questa predisposizione anche per l’ambiente in cui vivono, che li porta ad avere un sistema muscolo scheletrico favorevole e alti livelli di emoglobina ed ossigeno. Come detto all’inizio però la genetica non è l’unico fattore discriminante,  in quanto ci sono molti atleti che non possono far affidamento soltanto sulla loro etnia. In questo caso è il cervello che permette di raggiungere buone prestazioni negli sport di resistenza. Infatti fin dai tempi passati si sono raccolti studi che hanno dimostrato che la mente svolge un ruolo importante sia in esercizi di affaticamento che di tolleranza alla fatica.

Il problema, però, è che questo spesso viene sottovalutato, perché nel corso degli allenamenti ci si concentra principalmente ad ottimizzare il sistema respiratorio e cardiovascolare.resistenza Per capire, però, in che modo il cervello possa entrare in relazione con la resistenza è necessario capire quale meccanismo neurologico interviene sulla fatica. Esistono due tipi di affaticamento, ovvero quello periferico e quello centrale. Il primo si sviluppa attraverso l’allenamento di resistenza tradizionale e consiste in una diminuzione transitoria della capacità del sistema muscolare di lavorare in maniera efficiente. Questo potrebbe essere causato da diversi fattori, come ad esempio la ventilazione polmonare e la gittata cardiaca. Per averne un’idea più chiara l’affaticamento periferico fa riferimento al momento in cui i corridori iniziano a respirare più affannosamente in seguito ad una corsa di lunga distanza. Il secondo, invece, è più difficile da riconoscere in quanto comporta dei cambiamenti a livello dell’eccitabilità intracorticale con una successiva riduzione dell’impulso neuronale dalla corteccia motoria ai muscoli. Quindi in poche parole più è lungo l’allenamento e più debole diventa il segnale inviato dal cervello ai muscoli. Tuttavia ci sono degli studi che hanno dimostrato che esiste un circuito cerebrale in grado di ridurre l’affaticamento centrale. Questo sistema è costituito da due fasi una di inibizione e l’altra di eccitazione. La prima funziona seguendo queste fasi: gli input sensoriali del sistema periferico inviano un segnale inibitorio dal midollo spinale alla corteccia motoria primaria, che aumenta l’attività dei recettori inibitori GABA, che hanno la funzione di segnalare a tutte le aree cerebrali di ridurre l’attività motoria. Quindi in termini più semplici questa è la fase in cui il corpo fa sapere al cervello di essere stanco, tramite accelerazione della respirazione o crampi muscolari. Se quindi l’atleta decide di rallentare, la frequenza cardiaca diminuisce, come anche il respiro e il movimento. Ma se invece ci fosse ancora sufficiente energia i segnali di inibizione verrebbero ridotti al minimo in modo da far partire la seconda parte del circuito ovvero l’eccitazione. Gli input corticali inviano un segnale eccitatorio alla corteccia motoria primaria, la quale va a contrastare il segnale inibitorio in modo da tenere l’attività motoria ad un livello elevato, riducendo la fatica. Quindi se l’atleta è ancora in grado di allenarsi il cervello segnala al corpo di mantenere i muscoli in movimento con una frequenza cardiaca e respiratoria elevata. La ricerca però sta cercando di individuare il modo in cui si può portare il cervello a far percepire sempre meno il senso di fatica.  Uno di questi potrebbe essere quello di compiere continuamente esercizi a lunga distanza oppure attraverso la neurostimolazione. Quest’ultima infatti è in grado di aumentare significativamente la capacità di resistenza del corpo, permettendo di raggiungere il massimo potenziale di sforzo. Questo perché viene stimolata la plasticità cerebrale con una massimizzazione dei segnali eccitatori e una minimizzazione del segnale inibitorio, permettendo agli atleti di mantenere lo stesso livello di sforzo per lunghi periodi di tempo.

Qui in BrainCare offriamo la possibilità di utilizzare la tDCS, durante sessioni di allenamento con personal trainer, in modo da poter aumentare la resistenza e migliorare le proprie performance sportive. Se sei interessato non perdere tempo e chiamaci subito!.


  • -
plasticità

Plasticità. Come avviene l’apprendimento delle abilità motorie

Tags : 

Plasticità. Come avviene l’apprendimento delle abilità motorie

Plasticità. Il cervello umano possiede la meravigliosa caratteristica di essere dotato di plasticità e quindi di potersi modificare, in maniera più o meno duratura, a seconda degli eventi. Questo aspetto può entrare in gioco in diverse situazioni: la prima in seguito a danni cerebrali per processi relativi al recupero funzionale, la seconda in contesti legati all’apprendimento e alla memoria. Proprio riguardo a questo ultimo aspetto la plasticità cerebrale è molto importante nell’ambito sportivo, poiché permette di acquisire e conservare le abilità motorie.

Infatti l’apprendimento di queste viene definito come il processo attraverso il quale i movimenti vengono eseguiti con maggiore precisione e rapidità, in seguito ad una pratica continua. Infatti, elevate performance sportive possono essere raggiunte tramite l’esecuzione di diverse sessioni di allenamento, che consentono di raggiungere il livello massimo di prestazione.L’apprendimento motorio, poi, avviene sempre in due fasi chiamate veloce e lenta. La prima comporta un miglioramento immediato già a partire dalla prima sessione di allenamento, la seconda invece porta a continui progressi legati ad un esercizio continuo e costante.Ad esempio se una persona non ha mai tirato un pallone in porta il momento in  cui si troverà a farlo sarà decisamente faticoso, mentre la volta successiva a livello cognitivo sarà già preparato ma ancora non abile, ma continuando con l’allenamento potrà poi imparare ad essere coordinato e preciso.

plasticità

Oltre alle due fasi sopracitate il processo di apprendimento è legato ad altri stadi ovvero la codifica, il consolidamento e il richiamo. La prima riguarda il momento in cui l’abilità viene memorizzata a livello cerebrale e avviene nella fase di allenamento. La seconda è in uno stato offline, in quanto si esplica nella fase di intervallo tra le diverse sessioni e quindi è una sorta di stadio intermedio tra la fase veloce e lenta. L’ultima invece consiste nella capacità di riuscire a recuperare le abilità apprese senza nessuno sforzo cosciente.

Ma nello specifico in quale aree cerebrali avviene l’apprendimento motorio? Diverse sono le sezioni corticali coinvolte, come ad esempio quelle percettive e visive, ma quella maggiormente attivata è la corteccia motoria primaria. Questa infatti si attiva all’inizio dei movimenti volontari e quindi anche nella fase lenta e veloce dell’apprendimento. Quando poi l’abilità è consolidata a livello della memoria muscolare e procedurale, la corteccia motoria è molto meno coinvolta e l’elaborazione è adibita ad aree di ordine inferiore come il cervelletto. Ciò riflette proprio il cambiamento comportamentale, che avviene nel momento in cui l’abilità migliora e quindi passa da un livello volontario ad uno automatico. Ma in che modo si può favorire la plasticità neuronale in modo da raggiungere una maggiore capacità motoria? Utilizzando la tDCS! Infatti,  l’associare un allenamento intenso ad una stimolazione della corteccia motoria primaria favorisce l’attivazione neuronale e l’apprendimento motorio. Di conseguenza, quindi, si creano delle nuove connessioni neuronali che facilitano le fasi di consolidamento e richiamo.

In BrainCare offriamo la possibilità di utilizzare la tDCS in abbinamento ad attività motoria, seguita da personal trainer, in modo che l’apprendimento possa avvenire in maniera più rapida e si possano raggiungere ottimi livelli in uno specifico ambito motorio.

Quindi sei interessato a stimolare la tua plasticità cerebrale, al fine di raggiungere performance pari a quelle di un vero atleta, non esitare a contattarci!.

Ti potrebbe interessare anche:



  • -
comportamento

Valutazione e riabilitazione dei disturbi del comportamento conseguenti a lesioni cerebrali e sostegno e addestramento ai familiari

Tags : 

Comportamento. Il comportamento riguarda l’espressione manifesta, l’azione e la reazione, di un individuo inserito in un contesto sociale. I disturbi del comportamento si manifestano attraverso una difficoltà di controllo e di gestione delle proprie emozioni, incapacità di adattare il proprio comportamento all’ambiente, scarsa capacità di empatia, bisogno urgente di soddisfare i propri bisogni, aggressività, rabbia, trasgressione alle norme sociali e morali, incapacità di relazione. I disturbi comportamentali generalmente sono dovuti ad una lesione delle aree prefrontali del cervello e delle loro connessioni con altre strutture cerebrali, che possono manifestarsi immediatamente dopo il trauma o a distanza di tempo, e permanere nel tempo.comportamento

Tali comportamenti “anomali” possono determinare un deterioramento delle relazioni dell’individuo affetto da lesione e il suo intorno sociale prossimale e distale, dato che la lesione cerebrale agisce modificando le componenti della personalità e le reazioni emotivo-motivazionali. Per riabilitare tali pazienti è necessario approfondire attraverso l’utilizzo di test quali funzioni sono state alterate dalla lesione. Gli interventi non farmacologici per i disturbi comportamentali comprendono la musicoterapia, l’arteterapia, la danza, la ludoterapia, la Pet terapia. Molti studi recenti evidenziano che la gravità dei sintomi comportamentali sia più dovuta a delle variabili contestuali piuttosto che individuali. Dietro ad un comportamento aberrante si cela una profonda sofferenza e dunque una necessità di sostegno. Importantissimo ruolo ricopre il sostegno dalla rete sociale prossimale, costituita dai membri della famiglia (caregivers). La letteratura scientifica ci insegna che specifici interventi rivolti all’addestramento di familiari, rappresentano uno strumento per contrastare l’evoluzione di disturbi cognitivi e comportamentali legati a lesioni cerebrali. E’ necessario dunque rendere il familiare autonomo e competente nell’assistenza, ridurre lo stato di ansia migliorando la vita familiare e rendere anche l’ambiente sicuro e adattabile al paziente. L’addestramento dei caregiver è possibile grazie al trasferimento di conoscenze, metodologie e strumenti di gestione comportamentale.

Obiettivi

  • Fornire nozioni base sulla condizione del paziente con lesione cerebrale
  • Imparare a gestire la condizione patologica in famiglia
  • Conoscere le difficoltà psicologiche e fisiche del paziente
  • Imparare a valorizzare le risorse e i limiti del paziente

Programma del corso

8.00-8.30: Registrazione dei partecipanti
8.30-10.30: I disturbi del comportamento e loro modelli teorici
10.30-10.45: Pausa caffè
10.45-12.45: La valutazione dei disturbi del comportamento: presentazione dei test
12.45-13.30: Pausa Pranzo
13.30-15.00: Il trattamento dei disturbi del comportamento: interventi degli operatori
15.00 – 16.00: Il trattamento dei disturbi del comportamento: addestramento ai familiar

Docente:
Dott.ssa Anna Cantagallo:
Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

Quota di partecipazione:
122 € + IVA

Sede:
BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

Modalità di iscrizione:

Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
Intestato a BrainCare srl
Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.


  • -
esplosività

Esplosività. In che modo gli atleti possono performare in maniera esplosiva

Tags : 

Esplosività. In che modo i grandi atleti riescono a mostrare una grande esplosività quando stanno gareggiando? Sicuramente il fatto che Usain Bolt sia diventato l’uomo più veloce del mondo dipende sia da una sua predisposizione naturale, che dal suo sistema neuromuscolare.

Infatti sia negli uomini che negli animali esistono due tipi di fibre, le une adibite alle contrazioni rapide e le altre a quelle lente. Le prime vengono reclutate nel corso dei movimenti rapidi ed esplosivi, mentre le seconde vengono utilizzate nei movimenti che hanno bisogno di resistenza.Per averne un’idea più chiara basta pensare alla carne scura e bianca del pollo: la prima è concentrata sulle gambe e cosce e quindi permette all’animale di mettere in atto movimenti più lenti come il camminare, la seconda invece è sul petto e le ali e quindi consente azioni di vera esplosività. E nell’uomo come funziona questa distinzione? La persona media possiede nella parte inferiore del corpo una maggiore concentrazione di fibre scure, mentre un vero campione ha una quantità elevata di fibre bianche. Questo viene confermato anche da alcuni studi: l’atleta ha una percentuale più alta di fibre a contrazione rapida che gli permette di correre più velocemente durante uno sprint di 40 secondi.Campioni come Bolt quindi funzionano come dei ghepardi in grado di mettere in atto una contrazione rapida estrema.

esplosività

Non tutti però sono come il campione giamaicano, quindi un modo per poter raggiungere l’esplosività nella fase iniziale della contrazione è quello di aumentare lo sviluppo della forza in modo rapido (RFD Rate of Force Development).

In poche parole non potendo raggiungere questa forza estrema nella fase di movimento rapido devono concentrare tutta l’energia nella fase precedente.

I movimenti rapidi richiedono contrazioni che avvengono sulla scala cronologica di 50-200 ms, ma in genere occorrono 300-500 ms per sviluppare la forza massima. L’esplosività non viene raggiunta fino a 500ms, quindi i movimenti rapidi (50-200ms) sono migliorati tramite RFD.E nella pratica che cosa dovrebbero fare gli atleti, che non hanno la fortuna di essere nati come Bolt, per poter aumentare la contrazione rapida e la RFD?La tecnica più efficace è quella di mettere in atto ripetizioni rapide ad alta velocità, che permettono di aumentare la velocità di trasferimento del segnale dal cervello ai muscoli. Questo aspetto poi è stato confermato da uno studio danese del Journal of Applied Physiology (https://www.physiology.org/doi/pdf/10.1152/japplphysiol.00283.2002) che ha registrato un  correlazione tra l’aumento dell’attività cerebrale e la RFD, che si esplica con una maggiore attivazione della fibra neuromuscolare. Qui in BrainCare offriamo la possibilità di aumentare l’esplosività durante l’allenamento muscolare a contrazione rapida, attraverso l’utilizzo della tDCS. Quest’ultima infatti permette di rendere i segnali neurali più efficienti, in modo da poterli convogliare su capacità motorie di potenza al picco.Quindi se stai aspirando a raggiungere l’esplosività di un ghepardo non esitare a contattarci!


  • -
lavoro

Lavoro. Il lavoro adimensionale: nuovi gradi di libertà e benessere

Tags : 

Lavoro. Il mondo del lavoro ha sempre rappresentato un ambito di cambiamento e rivoluzioni, che hanno cercato di rispecchiare le evoluzioni della società. Oggi, infatti, le nuove tecnologie non hanno stravolto solo la società ma anche gli uffici, le aziende, i dipendenti. Da questo si parte per quella che può essere definita una ”de-standardizzazione” degli orari, dei luoghi di lavoro e della necessità di presenza.

Da aggiungersi a tutto ciò vi è l’Internet of Things (IoT) che permette di connettere le persone e le macchine, così che gli interventi da remoto divengano possibili anche su macchine che sono distanti migliaia di chilometri, modificando il lavoro e il rapporto che l’impiegato ha su di esso.

Alla base di questa concezione vi è il concetto di flessibilità, che rende il lavoratore più autonomo nella gestione delle proprie ore. Allo stesso tempo, però, l’azienda potrà richiedere flessibilità oltre che concederla: così il lavoratore è ormai abituato a guardare la posta elettronica alla sera, o nel week end.lavoro adimensionale La presenza, suggerisce la Dott.ssa Cantagallo, una volta utilizzata come unità di misura del lavoro, non è più indispensabile; gli ottimi lavoratori non sono più definibili in base alle ore di lavoro trascorse dietro la scrivania.

Iniziative come lo Smart Working, che permettono ad esempio al lavoratore di rimanere a casa due volte a settimana gestendo il proprio lavoro da lì, partono dal presupposto che il benessere della persona ed il benessere aziendale si influenzino reciprocamente, e così è: un lavoratore che gestisce il proprio tempo, è un lavoratore più contento, più sereno e più produttivo.

Altre possibilità di lavori che mantengono gradi di libertà gratificanti per i lavoratori riguardano, ad esempio, le piattaforme di crowdworking: si tratta di intermediazione di lavori professionali che vengono richiesti per brevi periodi attraverso la selezione dei candidati online. Questi possono poi gestire il loro lavoro ed eseguirlo nei momenti che preferiscono, mentre l’azienda monitora il tempo e la produttività per poi far corrispondere il lavoro della persona ad un pagamento adeguato.

Il lavoro comincia ad essere liberato dalle dimensioni di spazio e tempo e questo cambierà non solo il mondo lavorativo ma anche la società tutta: le trasformazioni interesseranno le città, il quotidiano e il modo di vivere, permettendo di rivedere il lavoro non più come un dovere ma come un piacere, aumentando così anche il rendimento e il benessere del lavoratore, da cui si potranno ottenere solo benefici.

Il rischio a cui non si deve andare incontro, però, è quello di pensare che il lavoro in questo modo possa e debba dilagare all’interno dell’intera vita della persona, eliminando i tempi realmente liberi dal lavoro, ricadendo così nell’errore di dimenticare il benessere del lavoratore oltre che a quello aziendale.

Se vuoi rivedere i ritmi e le modalità del tuo lavoro, contattaci! Troveremo la soluzione giusta per i tuoi bisogni e la tua personalità, soluzione che potrai proporre al tuo team di lavoro.


  • -
saggezza

Saggezza. Nuove prospettive per la sua “misurazione”

Tags : 

Saggezza. La saggezza è sempre stato un concetto interessante ma spesso ambiguo: chi è saggio? In base a cosa? La saggezza raggiunge tutti ad una certa età? Molti studi si sono preposti di rispondere a queste domande, ma i risultati non sono stati sempre soddisfacenti. È difficile stabilire il “grado di saggezza” di una persona, anche perché il concetto stesso è difficile da definire e categorizzare, dato che spesso dipende dal modo in cui la cultura di riferimento lo concepisce.saggezza Le neuroscienze, oggi, però vengono in aiuto. Attraverso la misurazione di alcuni parametri neurobiologici e psicosociali potrebbe essere possibile “calcolare” la saggezza di ognuno di noi: lo studio dell’algoritmo che permetterebbe la trasformazione di un concetto prettamente psicologico in un dato concreto è stato pubblicato nel Journal of Psychiatric Research: in uno studio di 524 volontari inseriti in un progetto di ricerca ancora in corso (Successful Aging Evaluation o SAGE), è stato utilizzato il calcolatore che propone una serie di affermazione a cui il soggetto è chiamato a rispondere sul fatto che le condivida o meno; i risultati ottenuti sono poi stati confrontati con due strumenti già in uso nella pratica clinica che sono la ’12-item Three-Dimensional Wisdom Scale’ e la ’40-item Self-Assessed Wisdom Scale’.

L’assunto teorico alla base di tale strumento è che il livello individuale può essere spiegato studiando la neurobiologia del soggetto, riferendoci in questo caso alle caratteristiche anatomiche e funzionali del suo cervello; inoltre, sembrano essere diverse le aree e i sistemi neurali responsabili delle diverse componenti della saggezza, come Dilip Jeste (docente di psichiatria dell’Università di San Diego e direttore del centro Healthy Aging) afferma (http://www.popsci.it/saggezza-la-calcolera-uno-strumento-ad-hoc.html).

Come sostiene la Dott.ssa Anna Cantagallo, “ancora una volta l’incontro con le neuroscienze ha portato ottimi frutti; permette non soltanto di portare nuove validazioni nel campo della psicologia, specialmente per concetti come la saggezza che si pensava non avessero un “riscontro” organico, ma anche di incrementare la conoscenza del nostro cervello, nei suoi aspetti più complessi.”

Lo strumento, dunque, oltre che tentare di dare una svolta in alcune pratiche cliniche, specialmente nelle valutazioni cognitive, potrebbe risultare un’importante risorsa per le sperimentazioni in ambito di HR aziendali  che si prefiggono di portare alla luce nuove conoscenze psicologiche, neurologiche e funzionali sul cervello, nella direzione di nuovi approcci e sviluppi.