Come i cibi fermentati riducono l’ansia sociale

  • -
ansia sociale

Come i cibi fermentati riducono l’ansia sociale

Tags : 

Ansia sociale. L’ansia sociale è una patologia che rappresenta qualcosa di più di una semplice timidezza, è un disturbo psicologico caratterizzato da un’intensa e persistente paura di affrontare le situazioni in cui si è esposti.ansia sociale

Per le persone con questa condizione, la vita è caratterizzata dalla solitudine e dall’isolamento. Nei casi più gravi possiamo assistere ad un’interruzione della vita quotidiana, delle relazioni sociali e romantiche, del lavoro e dell’istruzione. La prescrizione di farmaci come benzodiazepine, beta-bloccanti e antidepressivi, è stata la linea d’azione più utilizzata per combattere il disturbo d’ansia sociale. In diversi casi però questi farmaci hanno comportato complicati effetti collaterali; una soluzione più sicura e decisamente meglio tollerata possiamo trovarla negli alimenti fermentati. Recenti ricerche condotte dalla School of Social Work dell’Università del Maryland hanno dimostrato un collegamento tra il disturbo d’ansia sociale e l’intestino. I ricercatori hanno inoltre scoperto che i giovani adulti che mangiano più alimenti fermentati, hanno meno sintomi di ansia sociale.

Nell’esperimento da loro condotto, è stato chiesto a 710 giovani studenti iscritti ai corsi introduttivi di psicologia, di compilare un questionario sul consumo di alimenti fermentati, nevrosi e ansia sociale.Nello specifico, il questionario chiedeva di scegliere i cibi maggiormente consumati tra cui yogurt, kefir, latte di soia, crauti, cioccolato fondente, succhi di frutta con microalghe, tempeh, zuppa di miso, kefir, e kimchi. Il dato emergente da questa ricerca è che gli individui che consumano cibi fermentati hanno un minor numero di sintomi di natura ansiosa. Inoltre, in presenza di alti livelli di nevroticismo, si osserva un effetto protettivo più intenso: i soggetti con instabilità emotiva elevata che mangiano molti alimenti probiotici esperiscono ancor meno ansia sociale.

Se sei interessato ad elaborare un programma alimentare adatto alle tue esigenze specifiche, inserito in una consulenza medica, nutrizionale e psicologica  che valuti tutti gli aspetti della tua persona, per migliorare il tuo stato di benessere attuale, puoi rivolgerti al team di BrainCare dove potrai trovare l’aiuto che cerchi grazie agli interventi personalizzati messi a punto dal nostro team di professionisti.


About Author

Anna Cantagallo

Anna Cantagallo opera nell’ ambito clinico da oltre 25 anni come medico specializzato in neurologia e medicina riabilitativa, esperto di riabilitazione neurologica e neuropsicologica. Fra i suoi casi clinici citiamo Federico Fellini. La creatività, l’innovazione e il desiderio di poter avviare un servizio più trasversale e completo, dove i confini fra dis-abilità, normo-abilità e iper-abilità sono meno netti, sono stati i valori che l’hanno condotta a distaccarsi dal settore della sanità pubblica per orientare la sua professionalità verso le strutture private. L’ascolto del bisogno di espansione delle abilità di ciascuna persona, in una dimensione di scoperta del proprio potenziale e di flessibilità, l’hanno avvicinata non soltanto alla singola persona ma anche ai gruppi di lavoro, in cui viene chiamata spesso come organizzatore e supervisore esterno. Attualmente è consulente presso numerosi Centri di Riabilitazione, e dal 2011 Direttore Scientifico di BrainCare, unica realtà in Italia che si occupa di stimolazione e potenziamento cognitivo nei soggetti disabili ma anche nei normo e iper-abili. E’ docente presso gli Atenei di Padova, Torino, L’Aquila, Firenze e Napoli. E’ stata Presidente della Società Scientifica Gruppo Interprofessionale di Riabilitazione in Neuropsicologia (GIRN) dal 2006 al 2014. Ha coordinato le sezioni di Riabilitazione Neuropsicologica della Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (SIMFER) e della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN). Ha pubblicato 3 libri, oltre 90 articoli su riviste internazionali e 5 test di valutazione neuropsicologica. E’ Editor Assistant della rivista scientifica “European Journal of Physical Medicine and Rehabilitation” (EJPMR). Ha co-prodotto due cortometraggi dedicati alla memoria, ai suoi disturbi e al percorso necessario per il recupero, attraverso la storia narrata di 5 personaggi. Molto attiva nella divulgazione della neuropsicologia e delle scienze cognitive in tutte le età e in tutti i livelli culturali, viene spesso chiamata a comunicare su esse attraverso la stampa non scientifica e la televisione, o in caffè culturali.

News Area Clinica

News Area Benessere

News Area Espansione

News Area Formazione

News Area Franchising