BrainCare. Area Clinica: cosa pensano i nostri pazienti?

BrainCare. Area Clinica: cosa pensano i nostri pazienti?

“Il 28 Febbraio, quando sono uscito dall’ospedale Sant’Antonio, ultima struttura di una lunga lista di ricoveri, dopo un anno e mezzo tra rianimazione e riabilitazione, ho voluto fare subito due cose: sapere ogni singolo dettaglio del mio incidente e riprendere in mano la mia vita. Marco ora è tornato a vivere e a sorridere anche se il prezzo da pagare è stato alto in termini di sacrifici, dolori e lacrime. Ha avuto sempre accanto a sé una famiglia d’oro (la moglie Francesca, i suoceri e il figlio Gastone). Nessun amico, nemmeno i genitori. Persone che hanno scelto di fuggire dalle complicazioni che un’”infortunio”, perché così lo definisco e l’ho sempre considerato,  del genere può comportare…. Non ricordo nulla dell’incidente. Stavo andando a Cuneo per un incontro di lavoro importante, questo è quanto mi è rimasto. Andavo piano in autostrada, rispettavo i limiti. Improvvisamente un malore, dicono, e poi a 130 km/h sotto un camion che stava supportando lo sfalcio dell’erba. Fortunatamente nessun morto o ferito. Tutto ciò però me lo hanno raccontato. Sono rimasto schiacciato sotto il camion. Hanno usato un cric per consentirmi di uscire ed essere soccorso. Due camion dei pompieri, un’ambulanza e l’elisoccorso. Autostrada chiusa al traffico tre ore. A seguire il coma, prima farmacologico e poi fisiologico. E’ proprio vero che la coscienza è il vero tesoro della nostra esistenza. Mi sono svegliato 45 giorni dopo, il 26 Giugno 2016, dopo quasi due mesi. Mi hanno anche detto che nelle settimane successive sono stato piuttosto maleducato e scontroso. “Ma quello non ero io. Credevo di parlare normalmente ma nessuno sentiva nulla”….. Ciò che ho compreso durante il lungo percorso di questi tre anni è che avevo il DOVERE di mettere sempre e comunque tutta l’energia necessaria. Perchè la vita è un dono, e deve essere amata…..Mi sento un miracolato sì, ma mi arrabbio quando mi dicono: “sei stato fortunato”. Se fossi stato davvero fortunato non dovrei lottare, giorno per giorno, per riprendermi la mia vecchia vita. Voglio tornare in ufficio, pensare ad altro e girare con mia moglie e mio figlio come facevo prima»…..Mia moglie Francesca ha SEMPRE creduto nel mio recupero. Se mi chiedete qual è il primo viaggio che vorrei fare dopo l’incidente, io che prima passavo due terzi del mese in viaggio per lavoro, è portare mio figlio Gastone di 4 anni a vedere il villaggio di Babbo Natale in Finlandia. Da piccolo lo vedevo in Tv e desideravo tanto andarci. Durante l’inizio della mia convalescenza mia moglie me ne ha parlato e mio figlio poi. Ma adesso penso solo a recuperare a pieno. Il prima possibile; perché la vita è un sogno e i sogni ci aiutano a vivere meglio…..Alla luce di questo: Braincare. Professionisti e specialisti uniti a familiari dallo stesso intento. Il loro compito e grande capacità? Fare interagire più professionalità nella valutazione specifica e trattamento riabilitativo delle persone con gravi cerebro-lesioni acquisite, grazie anche al supporto dei familiari, fino al reinserimento famigliare, sociale e lavorativo, ove possibile. Arduo compito portato a termine, dopo l’ascolto dei diversi feedback, attraverso lo scambio delle specifiche competenze. L’importanza del sostegno psicologico della famiglia durante il difficile e lungo percorso di recupero da un coma e dai disordini prolungati della coscienza non è stato un elemento da sottovalutare. Braincare, quindi, è a tutti gli effetti alta specialità riabilitativa, formazione e sostegno del sistema famiglia delle persone con disabilità estreme, come i disordini della coscienza…..Sono stati due anni di intenso lavoro: working memory, memoria a lungo termine, recuopero delle capacità organizzative e di pianificazione. Ho iniziato un percorso che, attualmente sto portando a termine, che mi ha permesso finalmente di riuscire a sentirmi “normale”, nonostante rimangano alcune derive caratteriali, generate più che altro dal susseguirsi dei fatti. In sostanza il vissuto. Anni in cui mai avrei pensato di poter mettere alla prova i miei neuroni, a volte sfidarli. Anni in cui mi sono comunque sentito a casa, in un clima familiare. In Braincare il disagio dell’infortunio che tu porti dentro non viene MAI sottolineato ma bensì assorbito. Stiamo parlando, per ciò che credo, di intelligenza sensibile. Braincare oltre a curare la tua mente, sa ed ha pienamente compreso di dover curare le anime dei propri pazienti ed anche dei relativi famigliari. Ricostruire la fiducia in se stessi perduta. Ora, a distanza di poco più di tre anni dal gravissimo incidente occorsomi, ho la fiducia di poter definitivamente ripartire, ripartire con: lavoro, vita famigliare ed il mestiere preferito: quello di padre”.

Marco-Responsabile vendite multinazionale-(Padova)

“Sono Carlo e sono un ingegnere delle telecomunicazioni. Prima di ammalarmi progettavo e implementavo reti informatiche. Già nell’estate del 2011 ho avuto le prime avvisaglie: frequenti mal di testa, difficoltà a farmi la barba e vomito, finchè il 6 Marzo 2012 sono stato operato d’urgenza per tumore al cervello (medullo balstoma). I medici dicevano che sarei sopravvissuto un mese e mezzo e invece piano piano sono arrivato fino ad oggi. Certo devo farmi i miei controlli ma con tanta pazienza e determinazione ne sto uscendo. La cosa che mi pesa di più è dover usare una sedia a rotelle da quando mi hanno operato e dover avere 100.000 attenzioni quando mi muovo perchè in seguito all’intervento ma soprattutto alla radioterapia ho perso l’equilibrio. Dopo aver girato negli ospedali riabilitativi di mezzo Veneto a marzo 2014 ho iniziato con la riabilitazione logopedica in Braincare. Qui sono stato seguito fin da subito da uno staff di persone bravissime, ma anche preparate guidate dalla dott.ssa Cantagallo. Poi ho iniziato dall’aprile del 2016 a fare anche la riabilitazione motoria e ho visto molto presto i risultati: con l’assistenza di qualcuno riuscivo ad alzarmi in piedi, sono diventato più muscolo e resistente alla fatica. Sono quindi contento e spero di tornare presto a fare il lavoro per cui ho studiato”

Carlo- ingegnere (Padova)

 

Nicholas Menegatti – Studente universitario, Ferrrara

“Dopo 9 mesi dal mio grave incidente stradale ho iniziato un percorso di riabilitazione cognitiva presso BrainCare a Padova. Mi sono trovato molto a mio agio, anche grazie alla possibilità di lavorare direttamente col mio computer da casa invece che nell’ambiente del day hospital. Oggi riesco a concentrarmi per un tempo più lungo, riesco a prestare attenzione a più cose contemporaneamente ed a svolgere diversi compiti nello stesso momento. Ho trovato un miglioramento anche per quanto riguarda la memoria, ricominciando a studiare per prove ed interrogazioni.”

Alessio Gherlone – Calciatore Professionista del Novara

 “Dopo molto tempo dal mio rientro  a casa dopo un incidente che mi ha reso afasico 6 anni fa, ho conosciuto BrainCare con la quale sto ottenendo degli ottimi risultati con affianco il Dott.Fabio Tonello ed anche la Dott. Francesca Tebaldi. Sono migliorato nel linguaggio, a parlare, a scrivere, ma sono anche più attento. Intanto ho ripreso il treno e l’autobus, ma vorrei tra poco anche guidare. CONTINUO A MIGLIORARE ANCORA!”

Pier Luigi Aceto (con l’aiuto della moglie Alessandra) – commercialista (Rovigo) 

BrainCare

 

“Vorrei ringraziare per lavoro svolto nei miei confronti la BrainCare ma soprattutto il dr. Tonello che mi ha seguito più da vicino ascoltandomi ed aiutandomi a riprendere una vita più normale dopo quello che mi è successo. […] Anche se all’inizio ero un po’ indeciso per la fama popolare delle parole psicologo e psicologia, adesso mi rendo conto che sono stupidaggini e posso consigliare le vostre terapie ad altri.”

Giuseppe – camionista (Ferrara)

 

“Gentilissima prof.ssa Cantagallo,mi chiamo Roberta Ferrini e sono la mamma di un ragazzo di 37 anni che nel 1995 ha avuto un grave trauma cranico, a seguito di un grosso incidente stradale, con serie conseguenze; alcune si sono risolte con le cure ed il passare degli anni, altre si sono formate in seguito, come l’agorafobia.  Faccio parte del Direttivo dell’Associazione A.TRA.C.TO. (Associazione TRAumi Cranici Toscana). A febbraio 2011 mi sono decisa a far visitare e valutare mio figlio. Questa scelta è stata una delle migliori fatte in questi ultimi anni; il Team BrainCare con serietà, professionalità ef attenzione ha seguito Max, sia di persona che tramite esercizi on-line. Abbiamo anche assistito alla presentazione di tutte le nuove metodiche di valutazione e riabilitazione seguite dal team della BrainCare, e ne siamo entusiasti. Per quanto ci riguarda la valutazione ed il percorso specifico che Max sta facendo stanno dando buoni risultati e pertanto noi familiari e mio figlio in primis, siamo molto contenti.”

Roberta, Direttivo A.TRA.C.TO. (Arezzo)

 

“Dear Anna, …. I also wanted to say that Riccardo is very happy with Dr. Tonello (have I got the name right?!) and says that he feels very much at his ease and likes talking to him. I feel that Riccardo is going very well and seems to be much happier in himself, for which I am so grateful to you.”

Elizabeth – Insegnante di inglese madre-lingua (Ferrara)

 

“Dottoressa grazie di tutto, dovete fare tutto voi, mi avete fatto una visita molto approfondita, quindi continuate col da farsi a 360 gradi, rifate la perizia. Voi avete notato, come professionista con tanti anni di duro lavoro, la mia situazione e siete il pilastro del mio triste accaduto. Voi lavorate una volta sola e bene. Siete un bel centro, le sue colleghe sono davvero umane, professionali e molto dinamiche nel lavoro.”

PS – ex impiegato e infortunio INAIL (Chieti) 

  

“Buongiorno…non ha idea di quanto ho pianto per le notizie dott., non ho mollato mai per vedere mio figlio arrivare a questo livello grazie a tutti voi. Mi avete dato anche a me un futuro. Ho solo bisogno di rigenerarmi, vi voglio un mondo di bene. Dio benedica la sua intelligenza. Bacii.”

Giusy, impiegata – mamma di Davide (Milano)

 

“Mi chiamo Nevena ho 31 anni. Da Serbia sono venuta in Italia 2008 lavoro ho trovato praticamente subito come operaia in una impresa di pulizie. Era una brutta esperienza perchè subito dopo due-tre mesi ho capito che si tratta di psico-mobbing…Io sono andata così quasi 8 anni, mi sentivo un sasso grande dentro nel stomaco però ringrazio aiuto di dott.ssa Anna e suoi collaboratori, piano piano abbiamo risolto problema…Io ho bisogno di dire che mi è piaciuto molto suo studio e presenza di dott.ssa come un medico e come una persona umana…grazie a tutti.”

Nevena – operaia presso impresa di pulizie (Vicenza)

” Female doctor good morning. Venerdì ed oggi ho fatto la prova di guida 1 ora. Ho guidato nel modo perfetto, la macchina non l’ ho spenta, son stato calmo andavo piano com’ è giusto, massima attenzione per tutto ciò che c’è davanti. Che belloooooo!!! Se non venivo alla BrainCare potevo dire addio alla macchina e a guidare. Domani partiamo, andiamo al passo del tonale hotel piandineve. A gennaio riprendo le prove di guida.”

Davide, 22 anni – (Milano)

“È passato un po di tempo ormai ma ricordo come fosse ieri il primo giorno in cui ho iniziato il lungo cammino di riabilitazione al Brain care!io ero molto chiusa in me stessa come se fossi persa in un mondo tutto mio ma li ho iniziato,grazie ad un aiuto costante da parte della dottoressa Cantagallo e di tutti gli psicologi li presenti, a riprendere in mano la mia vita!un lavoro da parte loro assolutamente certosino costante e meticoloso che mi ha portato a ritornare ad essere quella che sono! Non posso fare altro che ringraziare con tutto il cuore tutta la squadra al completo e portare loro la mia più grande riconoscenza.”

Giuliana, 28 anni, studentessa – (Gela – CL) 

“Ho conosciuto BrainCare perché non riuscivo a rinnovare un documento per me molto importante per il quale era fondamentale superare delle prove di memoria e di reattività.Ho frequentato corsi singoli e corsi di gruppo che trattavano queste tematiche ed altre ad esse collegate ed ho risolto il problema. Frequentando B.C. ho poi scoperto altri campi su cui si sviluppavano i lavori e le specializzazioni su cui la Dr.ssa Anna Cantagallo applicava la propria attività ed esperienza e da cui avrei potuto ottenere altri benefici e che prima non conoscevo.Mi sono così avvicinato all’ozonoterapia ed ai trattamenti dei vari dolori che affliggono chi ha vissuto uno o più grossi trami provocati da una vita in auto, con gli inconvenienti che centinaia di migliaia di km possono, e nel mio caso hanno, fatto patire. La presente testimonianza per ringraziare la Dr.ssa Cantagallo del grande aiuto che la Sua conoscenza mi ha permesso di ottenere”

Gianni (detto Ivo) Pittarello, imprenditore (Padova)

 

“Piacere Nicholas, volevo ringraziarLa Dott.ssa Cantagallo Anna, così come tutto lo staff Braincare, scrivendo la presente. La volevo ringraziare per l’aiuto che mi è stato dato mediante la vostra grande esperienza, metodologia e umanità nella mia ripresa dopo quel brutto incidente motociclistico. Lei e il suo team siete stati davvero pronti ad individuare problemi di cui nemmeno io o persone attorno a me ci eravamo accorti. A partire da un eccessiva parlantina a problemi ben più seri come apatia e via dicendo, comunico che ad oggi ho riacquisito la capacità di guidare un motociclo e un autoveicolo in maniera ottima e senza paura visto l’incidente stradale appunto Non solo posso ora guidare e addirittura meglio rispetto a prima grazie ad un recupero psicologico-cognitivo fatto con i suoi esperti presso la sua struttura, anche a livello sociale la mia situazione sta continuamente migliorando, inizialmente visti i problemi annessi al trauma cranico encefalico venivo evitato da quelle stesse persone che mi chiedono ora di uscire per divertirsi in compagnia. La cosa è alquanto straordinaria così come è straordinario il fatto che, come lei ben sa sono studente di ingegneria, le mie capacità nello studio si siano ridotte molto rispetto prima ma siano comunque migliori rispetto a prima. Questo è molto probabilmente dovuto al corso sulle tecniche di memoria da lei tenuto presso l’accogliente e moderna Braincare.

La ringrazio quindi di tutti i suoi servigi fin ora e mi saluti la famiglia Braincare, con affetto”

Un ex paziente MG (Ferrara)