Tag Archives: Anna Cantagallo presidenti USA

  • -

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Category:Anna Cantagallo,News Area Espansione,tutte le News Tags : 

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Anna Cantagallo presidenti USA – Cosa ci insegnano i potenti? In questo caso i Presidenti USA

Negli Stati Uniti, il terzo lunedì del mese di Febbraio si festeggia il Presidents’

Day e indica il giorno di nascita di George Washington, il primissimo Presidente USA.

È il giorno nazionale in cui si festeggiano i presidenti passati, le loro risoluzioni storiche

e i loro insegnamenti di vita. Quest’anno, caduto il 20 Febbraio, lo si è festeggiato in

un’atmosfera sociale tesa, pervasa dal generale risentimento per l’operato di Donald

J. Trump, la cui fisica espressione la si è vista manifesta nei vari nuclei di protesta in

tutto il paese, giunti addirittura al di fuori dalla Casa Bianca. Chissà cosa diranno di

Trump la terza e quarta generazione di Americani a partire da oggi, quando

ricorderanno il suo nome attraverso il Presidents’ Day.

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Il Presidents’ Day è anche un ottimo stratagemma per scoprire cosa rese potente,

di successo o memorabile un presedente rispetto ad un altro. “Raccogliamo qui 7

consigli di Presidenti del passato, di modo che la vostra produttività aziendale ne

possa servirsi.” racconta Anna Cantagallo.

  • Sii un leader onesto.

Questa lezione fu trasmessa alle generazioni future dal presidente Grovor

Cleveland, ritenuto il più onesto tra tutti i presidenti. Cleveland, di fronte

alla possibilità di nascondere la nascita di un bambino fuori dal legame

matrimoniale, fu riferito dire: “Whatever you do, tell the truth”.

Qualsiasi cosa facciate dite la realtà. Egli credeva nel valore della trasparenza

e, in accordo con le sue idee, si espresse con durissimi e moltissimi

‘No’ alle riunioni del Congresso, senza paura di esprimere contrarietà rispetto

alle proposte di legge. Spesso, si abbellisce l’utilizzo delle menzogne come

male secondario necessario. Cleveland credeva, invece, nella verità pura e semplice.

  • Abbraccia il cambiamento.

I presidenti hanno il dovere di guidare il paese durante periodi di forte

cambiamento, in cui l’abbraccio di un solo punto di vita a svantaggio di

tutti gli altri è necessariamente limitante. John F. Kennedy, che visse

durante un periodo di tumulti storici (61-63), una volta disse:

Goethe ci dice nel suo grande poema, il Faust, che egli perse la libertà

della sua anima quando disse all’attimo fuggente: ‘Resta, sei così dolce”.

E anche la nostra libertà è messa in pericolo se ci fermiamo per l’attimo

fuggente, se riposiamo sui nostri successi, se resistiamo al ritmo

del progresso. Perché il tempo e il mondo non stanno fermi.

Il cambiamento è la legge della vita. E coloro che guardano

solo al passato o al presente, perderanno sicuramente il futuro.”

  • Fai movimento tutti i giorni.

I benefici psico-fisici dello sport sono enormi: il muscolo cardiaco lavora

a ritmi più alti e migliora la circolazione sanguigna, questa di conseguenza

ossigena maggiormente il cervello garantendo limpidezza mentale, aumento

della determinazione e focus continuo. Moltissimi presidenti erano bramosi

di sport: Clinton faceva jogging, Kennedy, Reagan e Gerard Ford erano

nuotatori, Roosevelt amava tennis, jogging e boxing. La posizione di

presidente è una posizione altamente estenuante, per cui una valvola

di sfogo come il movimento può risultare indispensabile.

  • Fabbrica ciò che non puoi comprare.

Continua Anna Cantagallo “Se non si può acquistare un certo prodotto,

occorre farlo da sé. Il ‘fai da te aiuta a costruire soluzioni personali

utilizzando dosi massicce di creatività. Tra i presidenti USA, Thomas

Jefferson fu detto di riempire la propria casa di gadget e piccole invenzioni.”

  • Capisci il punto di vista del nemico.

Nessuno vuole attorniarsi dei propri nemici, giusto? Sbagliato:

Abraham Lincoln chiamò il suo Gabinetto ‘Team of Rivals’, perché

sceglieva direttamente persone con un punto di vista diverso dal suo.

Invece di trovare uomini con una mentalità o con idee simili alla sua,

cercava persone di stampo diverso, che spesso non si piacevano a vicenda.

È meglio imparare dai propri nemici, perché raffigurano una diversità

forte e assertiva rispetto alle nostre credenze consolidate.

  • Attorniati di persone più intelligenti di voi.

Dire ‘non lo so’ è fondamentale, dimostra che non avete paura di dimostrare

che non conoscete qualcosa. Inoltre, questo permette ai vostri collaboratori

di dire la loro e di far diventare ciò che loro sanno parte del vostro bagaglio

di conoscenza.” conclude Anna Cantagallo. Woodrow Wilson riassunse

questo principio dicendo: “Non solo utilizzo tutto il cervello che ho, ma

pure tutti i cervelli che posso prendere in prestito”.

  • Organizza la giornata la sera prima.

Barack Obama era solito spendere un po’ di tempo della sua sera per

predisporre per bene la giornata successiva. Spesso, finiva di lavorare

all’una di notte, aprendosi la via tra documenti importanti. Questo non

è da fare tutti i giorni, sia ben chiaro. Ma prima di deadlines fondamentali,

presentazioni o meeting può essere utile.

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Con questi piccoli ‘comandamenti’ potrete aumentare la fertilità della vostra

realtà aziendale. Potrete portare nelle vostre scelte e decisioni il peso di decenni

e decenni di storia, cambiamenti, successioni, punti di vista, prospettive diverse.

Come se quei presidenti non se ne fossero mai andati.

braincare-ultime-notizie-tutte

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Anna Cantagallo presidenti USA – Le 7 lezioni per una maggiore produttività

Ti potrebbe interessare anche:



Translate »