Taping Neuromuscolare: Benessere e Riabilitazione

Taping Neuromuscolare: Benessere e Riabilitazione

taping neuromuscolare

Il taping neuromuscolare è una tecnica non invasiva e non farmacologica che, attraverso l’applicazione di un nastro adesivo ed elastico con particolari caratteristiche tensive offre una stimolazione meccanica/propriocettiva dei recettori cutanei, fasciali, capsulari e muscolari, in grado di creare spazio nei tessuti, favorire il metabolismo cellulare, attivando la circolazione e le naturali capacità di guarigione del corpo e normalizzando la propriocezione neuromuscolare.

L’invenzione di questo metodo va fatta risalire al Dott. Kenzo Kase (video intervista) che ha sviluppato il Kinesio Taping Method oltre 35 anni fa. La prima apparizione del Taping Neuromuscolare si registra, infatti, alle Olimpiadi di Seul del lontano 1988 con la nazionale giapponese di pallavolo.

Il taping neuromuscolare ormai diffuso in tutto il mondo e riscuote grande successo sia nelle persone che svolgono normalmente attività fisica sia in quelle che lo utilizzano in supporto all’attività riabilitativa. Per i primi, lo scopo è di evitare degli infortuni di parti del corpo delicate e ridurre le sollecitazioni sulle articolazioni. L’applicazione a fini riabilitativi ha diversi campi applicativi tra cui quello di ridurre l’estensione di ematomi e versamenti che si manifestano dopo un trauma riducendo i tempi di recupero, mentre nelle forme croniche viene utilizzato in accoppiamento alla terapia tradizionale

Il taping neuromuscolare ha numerose indicazioni tra cui:

Funzione sensitiva:

  • diminuzione della pressione sui recettori chimici e conseguente riduzione dell’infiammazione;
  • stimolazione dei recettori meccanici e inibizione delle sensazioni dolorifiche in entrata.

Funzione musco/articolare

  • riduzione della fatica muscolare;
  • aumento della contrazione muscolare;
  • riduzione dei crampi e di possibili incidenti muscolari;
  • riduzione del sovraccarico pressorio articolare.

Funzione linfatica:

  • aumento della circolazione linfatica;
  • aumento della microcircolazione sanguigna;
  • drenaggio linfatico.

L’applicazione del taping neuromuscolare deve esser realizzata da terapisti esperti, che abbiano praticato corsi appositi e che sappiano quindi come posizionare nel modo corretto le strisce elastiche, con la giusta pressione  e decompressione,  per ottenere i benefici che questa tecnica offre.


Translate »